Storia

Ecco il primo esempio di arte narrativa: è un fregio preistorico di 11.000 anni fa

Un fregio preistorico ritrovato in Turchia racconta di un personaggio importante che già segnava l'esordio dell'uomo al centro della natura.

Una stanza cerimoniale scavata nella roccia, 11mila anni fa, con un fregio scolpito: si trova nel sud-est della Turchia, in un insediamento del Neolitico che sta venendo alla luce a Sayburç, a 60 km dal fiume Eufrate. Quel fregio sarebbe la narrazione raffigurata più antica che si conosca, secondo il magazine dell'Università di Cambridge Antiquity che pubblica articolo dell'archeologo Eylem Ozdogan (Università di Istanbul).

ENIGMATICO. Questo grande pannello di pietra (90 cm di altezza per 3,7 m di lunghezza) mostra da un lato un essere umano in bassorilievo che affronta un grande toro selvatico, un uro (Bos primigenius). Dall'altro, sempre una figura umana, in altorilievo, naso pronunciato e labbra carnose, che  si trova fra due leopardi, praticamente seduta, mentre brandisce il suo fallo. Che cosa significa tutto ciò? Senza conoscere il contesto storico e mitico di quella antica comunità  preistorica che concepì l'opera, difficile scoprirlo.

Particolare del fregio scoperto nel sud-est della in Turchia, in un insediamento del Neolitico che sta venendo alla luce a Sayburç, 60 km dal fiume Eufrate. Secondo gli esperti, sarebbe la narrazione raffigurata più antica che si conosca.
Un altro particolare del fregio scoperto in Turchia: la figura umana è fra due leopardi, la cui ferocia è mostrata dalle grandi dimensioni dei denti. © K. Akdemir

Viaggio nel tempo. Immaginiamo se un uomo del Neolitico, trasportato da una ipotetica macchina del tempo entrasse nella basilica superiore di Assisi e vedesse alcune scene dipinte: un uomo che si toglie le vesti davanti ad altri (San Francesco che si spoglia dei suoi ricchi abiti di fronte al padre e ai notabili della città), ancora quell'uomo che si avvicina a un gruppo di uccelli (non per mangiarli, ma per fare loro una predica). Ancora lui davanti a un lupo (il terribile lupo di Gubbio). Che cosa capirebbe il viaggiatore preistorico? Poco o nulla, senza conoscere già la storia di San Francesco.

Analogamente, gli archeologi che hanno scoperto e descritto il fregio preistorico in Turchia, presente sulla facciata di una grande panca scolpita nelle pietra calcare, non possono risalire a episodi precisi senza conoscere la storia che c'è dietro. Possono però coglierne il senso simbolico. Quello raffigurato doveva essere un personaggio importante. Forse lo stesso in tutte e due le scene, per caratterizzare un luogo cerimoniale o comunque un punto centrale di riunione.

Potere sulla natura. Nella prima scena, quella di sinistra, il personaggio tiene in una mano un serpente, o forse un sonaglio, impugnato come elemento di potere e di comando nei confronti di un toro selvatico, la cui pericolosità viene enfatizzata dall'enorme testa. Il corpo dell'animale è di profilo, ma la testa è girata, come vista dall'alto, un "trucco" prospettico per enfatizzare le corna. Nella seconda scena, il personaggio appare in posizione seduta, calmo e autorevole, mentre troneggia fra due leopardi, la cui ferocia è mostrata dalle grandi dimensioni dei denti.

Doveva quindi trattarsi di un "Signore degli animali" o comunque di un antenato che segnava simbolicamente il controllo dell'uomo sulla natura selvaggia. Un controllo basato sulla sua capacità riproduttiva, come dimostra il grosso fallo tenuto in mano, e anche di una capacità "creativa" per mutare i rapporti con la natura stessa. Siamo, insomma, alle soglie della rivoluzione agricola e della domesticazione. E quel "santo" preistorico, di cui non conosciamo nome e biografia, doveva essere uno dei simboli dell'epoca.

1 gennaio 2023 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us