Prima che arrivassero i preservativi in lattice l'uomo ha provato davvero di tutto per evitare gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili. Inclusi curiosi "cappucci" in crine di mula.

Impermeabile inglese, cappello notturno, guanto di dama, gomma, vescica, peau divine (“pelle divina”) o baudruche (“palloncino”)... Di nomi, il preservativo, ne ha avuti davvero tanti. Almeno quanti sono i secoli che ci separano dalla prima volta in cui fu usato.

Per centinaia di anni, infatti, questo “capo” per soli uomini è stato indossato a tutte le latitudini e a tutte le epoche. Sembra che a servirsene sia stato anche l’uomo di CroMagnon, un'antica forma di homo sapiens, quando, bruttarello ma non sprovveduto, già 12mila anni fa indossò per la prima volta una protezione durante l’attività di coppia più antica del mondo. O almeno questo credono di vedere alcuni studiosi in un graffito rinvenuto in una caverna preistorica nella Grotte des Combarelles (Francia).

Nell'antico Egitto per proteggersi da scottature, sabbia, morsi di insetti gli uomini sotto la gonna indossavano una specie di sacchetto per il pene, tenuto da una striscia di stoffa. Tra gli uomini di rango, però, era diffuso un preservativo per il glande, una piccola guaina che copriva solo la punta del pene, ricavata dagli intestini degli animali.

Al tempo dei faraoni. Di certo conoscevano l'uso dei preservativi i faraoni egizi che non si abbandonavano mai a voluttuosi abbracci clandestini con donne diverse dalla propria moglie senza aver prima sistemato, proprio lì in cima, un piccolissimo cappuccio ricavato dagli intestini o dalle vesciche degli animali, oliati. Ma come gli era venuta la brillante idea di insacchettare il tutto?

Probabilmente gli Egizi erano stati ispirati da certi sacchetti, legati alla cintura con un cordoncino, in cui chi lavorava all’aperto metteva al sicuro le proprie parti basse, altrimenti esposte, sotto al gonnellino troppo corto, a scottature, traumi e morsi di serpente.

Modello classico. Meno raffinati, i Greci si accontentavano della membrana dell'intestino degli animali, opportunamente trattata.

Spartani anche nel fare l’amore, gli audaci Romani vantavano invece preservativi di rara scomodità: per ottenerlo gli amanti dovevano intrecciarlo a mano usando un pugno di peli della criniera di una mula.

Più inquietante era il cosiddetto “preservativo della vittoria” che i legionari fabbricavano con la pelle o i muscoli, tirati e ammorbiditi nell’olio, dei nemici caduti in battaglia: ai loro occhi era il modo più adatto a dimostrare virilità sia in guerra che a letto. Ma di norma, quando fraternizzavano con la parte femminile dei popoli vinti, si facevano bastare le guaine di vescica secca di capra, tenute al loro posto da legacci di cuoio o corda.

Arriva il condom. Ma il nome condom, oggi diffusissimo, a quando risale? Alcuni storici fanno risalire l'etimologia incerta di condom, il preservativo moderno, al latino medioevale condus, cioè "colui che allontana" significato che si accorderebbe con la sua funzione. Altri ritengono invece quanto meno sospetta l'assonanza col cognome di Charles de la Condamine.

Geografo e fisico francese, Condamine portò dall’Amazzonia, nella prima metà del ’700, un materiale indispensabile nella storia recente del preservativo: la gomma di caucciù con cui, a partire dal 1844, l’inventore statunitense Charles Goodyear – quello degli pneumatici – realizzò i primi rubbers (gomme).

I nuovi preservativi di gomma elastica diedero così il benservito a quelli di stoffa, più scomodi e costosi. Ma furono a loro volta soppiantati nel 1920 dai moderni e ormai famosissimi condom in lattice.

29 settembre 2018 Giuliana Rotondi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us