Speciale
Domande e Risposte
Storia

Perché scrivere accordi e contratti su pelle di pecora?

Per secoli, nel Regno Unito, sono stati redatti documenti legali - accordi e contratti - su pergamene di pelle di pecora, un materiale anti-falsificazione.

Dal XVI al XX secolo i documenti legali britannici sono stati scritti principalmente su pergamene di pelle di pecora: è quanto emerge da uno studio pubblicato su Heritage Science che spiega come questo tipo di materiale fosse ideale per evitare manomissioni e frodi. La struttura e l'alto contenuti di grassi della pelle di pecora rendevano infatti vano qualunque tentativo truffaldino di modifica del testo, che sarebbe risultato visibile invalidando il documento.

documenti sicuri. «Gli avvocati dell'epoca si preoccupavano molto dell'autenticità e la sicurezza dei documenti legali, come testimonia l'uso dei sigilli», spiega Sean Paul Doherty, capo dello studio. «Ora è chiaro che questa preoccupazione li spingeva anche a scegliere la pelle animale da utilizzare per produrre la pergamena.»

Doherty ha analizzato 645 campioni di documenti legali, provenienti da archivi e collezioni private, scoprendo che 622 di essi erano in pelle di pecora. Il motivo risiederebbe nelle sue proprietà anti-frode: la pelle di pecora è composta da diversi strati, tra i quali si trovano grandi quantità di grasso.

Questione di grasso. Per produrre un foglio di pergamena, la pelle veniva immersa nella calce così da asciugare il grasso, lasciando degli spazi vuoti tra i diversi strati: chiunque avesse tentato di grattare via l'inchiostro per modificare il testo di un documento avrebbe provocato il distacco degli strati superiori da quelli inferiori (fenomeno noto come delaminazione), rendendo evidente il tentativo di frode e invalidando il documento.

È la prima volta che viene condotto uno studio approfondito su antichi documenti legali, normalmente considerati di scarso interesse storico. Nel corso degli anni molti sono stati addirittura buttati, bruciati e persino riciclati come paralumi durante il XX secolo.

fonti storiche inaspettate. «I testi legali non hanno gran valore storico, poiché spesso riportano formule ripetitive», spiega Doherty: «tuttavia, grazie a moderne tecniche di analisi come la spettrometria di massa, possiamo studiare le informazioni chimiche e biologiche registrate nella pelle della pergamena.» Questi documenti diventano dunque reperti storici importanti non per ciò che vi è scritto sopra, ma come archivio molecolare di secoli di artigianato, commercio e zootecnia.

4 aprile 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us