Perché Roma è detta la Città Eterna?

Erroneamente si fa riferimento a un presunto testo dell'Imperatore Adriano, ma le vere origini sono ancora più antiche.

fotolia_83867448_l_65842_preview
Al centro dell’immagine i resti del Tempio di Saturno; subito dietro, l’Arco di trionfo di Settimio Severo. La Roma antica al centro della Roma odierna.

Nel corso della storia diverse città hanno avuto l'appellativo di Città Eterna, per esempio Gerusalemme o Kyoto, ma Roma è la prima e l'unica ad averlo conservato per oltre due millenni.

 

Il merito è di Albio Tibullo (55 ca.-19-18 a.C.), un poeta latino che oggi pochi conoscono, ma che al tempo era un noto autore di poemi erotici.

 

Nel secondo libro delle Elegie, immagina un periodo molto remoto e scrive "Romulus Aeternae nondum formaverat Urbis moenia", traducibile in italiano come "Né ancora aveva Romolo innalzato le mura dell'Eterna Urbe".

 

È questo il primo riferimento alla Città Eterna, o almeno il più antico di cui ci è arrivata traccia. Col tempo in molti hanno riutilizzato l'epiteto, contribuendo alla sua fama.

Perché si chiama Colosseo? Com'è cambiato nei secoli? E quali misteri custodisce?. | Shutterstock

Il falso imperiale. Talvolta l'origine dell'epiteto viene fatta risalire all'imperatore Adriano (che regnò nel II secolo dopo Cristo) e a questo profetico passaggio: "Altre Rome verranno, e io non so immaginarne il volto; ma avrò contribuito a formarlo. [...] Roma vivrà, Roma non perirà che con l'ultima città degli uomini".

 

Peccato che questa epica frase sia stata scritta nel '900 da Marguerite Yourcenar nel suo romanzo Memorie di Adriano, mentre Roma città eterna era già in uso in epoche precedenti.

Suburra
Anche le città eterne hanno un quartiere malfamato. A roma si chiamava Suburra

Menzioni d'onore. A volte però è stato usato anche per città diverse da Roma, come Gerusalemme, città santa per Cristiani, Ebrei e Musulmani. Una menzione d'onore la merita Kyoto, capitale del Giappone dal 794 al 1868. Negli inizi dell'VIII secolo l'Imperatore Saga predisse il futuro millennio e nominò la capitale "Yorozuyo no Miya", ovvero "la città eterna".

09 Dicembre 2017 | Davide Lizzani