Speciale
Domande e Risposte
Storia

Perché Elisabetta I d'Inghilterra non si sposò mai?

La regina Elisabetta I decise di non condividere il suo regno con nessun altro re o nobile. Le ipotesi degli studiosi riguardo a questa scelta sono diverse.

Anche se gli amanti non le mancarano affatto, Elisabetta I d'Inghilerra è passata alla storia come la Regina vergine, perché non si sposò mai. Sulle ipotesi di questa scelta decisamente non comune per una regina, gli storici discutono ancora oggi, ma quelle più accreditate chiamano in causa ragioni sia personali, sia, soprattutto, strategiche.

Elisabetta I: amanti sì, mariti mai. È certo che durante il suo lungo regno - che durò dal 1558 fino al giorno della morte, nel 1603 - Elisabetta I ricevette numerose proposte di matrimonio da parte di regnanti e nobili europei, ma era ben consapevole che, se si fosse legata a un uomo, sarebbe diventata la regina consorte, perdendo essenzialmente il suo grande potere. Seppe quindi tenere i pretendenti stranieri in attesa di una sua risposta per anni, evitando così di inimicarseli e mantenendo il suo regno autonomo da ingerenze esterne. Rifiutò anche di sposare nobili inglesi, perché intuiva che sarebbe stata un'altra scelta politica molto pericolosa: avrebbe rischiato di dividere la corte in fazioni ostili tra loro.

Ci sono comunque altre ipotesi. Forse il rifiuto di sposarsi fu dovuto al difficile rapporto della regina d'Inghilterra con il genere maschile, un disprezzo causato dalla triste fine di sua madre, Anna Bolena, fatta decapitare da suo padre Enrico VIII. Oppure, per la paura di restare incinta e dover affrontare il parto che, ai quei tempi, poteva essere causa di morte.

La regina vergine guerriera. Qualunque sia la spiegazione, la scelta di Elisabetta I fu fortemente osteggiata dai consiglieri di corte per ovvi motivi di successione. La regina, però, rimase irremovibile, e anzi utilizzò il suo stato di "single" a fini propagandistici presentandosi come una vergine guerriera devota solo al suo popolo.

6 aprile 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us