Storia

Perché la breccia di Porta Pia è stata così importante per l'Italia?

Il 20 settembre 1870, con la breccia di Porta Pia, evento simbolo dell'Unità d'Italia, cadde lo Stato pontificio e la capitale cambiò.

Cosa comportò la breccia di Porta Pia per l'Unità nazionale? Scopriamolo Attraverso l'articolo "La presa di Roma" di Adriano Monti Buzzetti Colella, tratto dagli archivi di Focus Storia.

Simbolo del Risorgimento. "Ho sentito un fuoco di moschetteria assai vivo; poi un lungo grido 'Savoia'; poi uno strepito confuso; poi una voce lontana che gridava 'Sono entrati'…". Così lo scrittore Edmondo De Amicis, inviato del quotidiano La Nazione di Firenze, descriveva con piglio da cronista di guerra il "suo" 20 settembre 1870 e l'irruzione di fanti e bersaglieri dell'esercito piemontese in Roma, attraverso la breccia aperta nelle Mura Aureliane accanto alla michelangiolesca Porta Pia. Simbolo dell'unità nazionale e del parallelo tramonto dei papi-re, ma anche di un traguardo che lo stesso Cavour aveva vagheggiato dieci anni prima ("Roma sola deve essere capitale d'Italia" disse in un celebre discorso al parlamento sabaudo) e che sfuggì più di una volta allo stesso Garibaldi.

Difesa francese. Ancora nel 1867, l'Eroe dei due mondi tentò di invadere il Lazio, ultimo scampolo dell'antico Stato della Chiesa, ma fu sconfitto a Mentana (Roma). Più che i "papalini", a batterlo furono i soldati di Napoleone III, fedele alla tradizione che impegnava i sovrani d'Oltralpe alla difesa dei domini papali. L'impegno però si dissolse di lì a poco per la batosta francese nella guerra con la Prussia, che all'inizio di settembre del 1870 sostituì l'Impero con la Terza Repubblica: a quel punto la strada per Roma era sgombra.

Resistenza simbolica. Pochi giorni dopo, il 20 settembre 1870, l'invasione dello Stato Pontificio si compiva nell'indifferenza dei governi europei, ai quali invano il segretario di Stato cardinale Antonelli aveva chiesto aiuto. Impari le forze: oltre 50mila sabaudi contro circa 15mila difensori. Dopo i primi colpi di artiglieria contro le mura, per ordine di un rassegnato Pio IX il comandante pontificio Kanzler si limitò a una resistenza simbolica: in tutto rimasero sul terreno poche decine di uomini, e ai volontari pontifici fu concesso di lasciare Roma con l'onore delle armi.

Rancori. Il 2 ottobre un plebiscito sanciva l'annessione degli ex domini papali al Regno d'Italia, con una vittoria dei "sì" resa schiacciante anche dal poco strategico invito della Curia romana all'astensionismo dei cattolici. Nel gennaio 1871 la capitale d'Italia si trasferiva da Firenze a Roma: papa Mastai reagì duramente, proclamandosi prigioniero nei palazzi del Vaticano. Anche la nuova Legge delle guarentigie, che in quello stesso anno riconobbe inviolabilità e prerogative spirituali del pontefice, non mutò i rancori di Pio IX verso gli "occupanti": nel 1874, anzi, col documento Non Expedit ("non conviene") vietò ai credenti di partecipare alla vita politica italiana.

Il lungo inverno dei rapporti tra Stato e Chiesa sarebbe durato fino ai Patti Lateranensi del 1929, che restituirono alla Santa Sede una pur minima sovranità territoriale.

20 settembre 2023 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us