Storia

Olimpiadi: la CoViD-19 come le due guerre mondiali

Solo le due guerre mondiali erano riuscite a fermare le Olimpiadi: ora, a settantasei anni dall'ultima volta, ci è riuscito il nuovo coronavirus.

È ufficiale: i Giochi della XXXII Olimpiade, che quest'anno si sarebbero celebrati a Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto, non si faranno. La notizia del rinvio al 2021 è arrivata ufficialmente il 24 marzo, ma era nell'aria già da un po'. A causa dello slittamento, per la prima volta nella storia dei Giochi Olimpici moderni (quelli che si disputano dal 1896) la manifestazione sportiva avverrà in un anno dispari (e non bisestile, a differenza di tutti gli altri a eccezione del 1900). In 124 anni le Olimpiadi non erano mai state rinviate, ma sì cancellate, altre tre volte, in concomitanza con i due conflitti mondiali della prima metà del Novecento.

1920 olimpiadi
Il Poster delle Olimpiadi del 1920, dipinto da Walter Van der Ven (1884-1923).

Germania messa al bando. I Giochi Olimpici del 1916, che si sarebbero dovuti svolgere a Berlino, vennero sospesi a causa della Prima Guerra Mondiale. Quattro anni dopo, i vincitori del conflitto decisero di escludere la Germania dalla VII Olimpiade: la stessa cosa accadde nel 1948, durante le Olimpiadi di Londra, quando la Germania e il Giappone vennero esclusi dopo essere stati sconfitti nella Seconda Guerra Mondiale. L'Italia si salvò dall'espulsione per aver chiesto l'armistizio ai tedeschi nel 1943.

Maledizione giapponese. Sembra invece che sul Paese del Sol Levante gravi un anatema: già 80 anni fa, infatti, i giochi olimpici che avrebbero dovuto disputarsi a Tokyo vennero cancellati a causa del conflitto mondiale in corso. Anche nel 1944 le Olimpiadi saltarono per lo stesso motivo: sia quelle estive, che si sarebbero tenute a Londra, sia quelle invernali che avrebbero avuto luogo a Cortina D'ampezzo.

28 marzo 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us