Storia

Neil Armstrong e quella frase inventata durante una partita di Risiko

"One small step for a man, one giant leap for mankind": il cosmonauta americano l'aveva ideata già prima di partire per la missione Apollo 11. Una sera, a casa, come rivela il fratello.

"Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l'umanità": Neil Armstrong ha sempre sostenuto di aver inventato una delle frasi più epiche di tutti i tempi appena messo piede sulla Luna, ma le cose potrebbero non essere andate esattamente così.


In una serie di interviste rilasciate da Dean Armstrong, fratello di Neil, alla BBC e riprese dal quotidiano The Telegraph, è emerso che l'astronauta più famoso di tutti i tempi aveva pensato a cosa dire in quell'occasione speciale già qualche tempo prima di partire per la missione.

Poco prima di partire, insieme al resto dell'equipaggio dell'Apollo 11, per Cape Canaveral, Neil e il fratello si trovarono per una partita a Risiko.
E mentre giocavano, l'astronauta scomparso il 25 agosto 2012 passò a Dean un biglietto contenente la frase "One small step for a man, one giant leap for mankind".


«Cosa ne pensi?» chiese Neil, e il fratello non poté che ammettere che era perfetta. Su quel foglietto c'era quindi tutto quello che l'astronauta pronunciò appena sbarcato sulla Luna, e anche qualcosa di più: l'articolo "a" di "a man", un dettaglio su cui si è speculato per 40 anni.

Armstrong giura di averlo inserito, quando pronunciò la storica frase. L'astronauta avrebbe insomma detto "A small step for a man (riferendosi a se stesso) a giant leap for mankind". Ma i milioni di spettatori che videro lo sbarco sulla Luna sostengono che l'articolo "a" non ci fosse, e che quel man indefinito si riferisse così all'intera umanità, come se tutti in quel momento stessero mettendo piede sulla Luna. Che Armstrong abbia sbagliato, dimenticandosi un articolo nella fretta, o che l'omissione fosse voluta poco importa: era proprio la frase perfetta per quel momento.

4 gennaio 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us