Storia

Nazismo: come l’uso della lingua convinse tutti che l’Olocausto era “ammissibile”

Un'analisi linguistica della propaganda durante il nazismo mostra che, prima dell'Olocausto, il Reich "lavorò" per disumanizzare gli ebrei. Una volta iniziato lo sterminio, cominciò un'opera di demonizzazione.

Il 27 giugno 1932, all'interno del Grunewald stadium di Berlino, 120mila persone ascoltavano un dialogo, sparato a tutto volume dagli altoparlanti. Un botta e risposta che oggi sembrerebbe surreale: "Chi è responsabile della nostra miseria?" e un coro replicava: "Il sistema!". "E chi c'è dietro al sistema?", proseguiva la voce. "Gli ebrei", faceva eco il coro. Il regista dell'evento era il giornalista  Joseph Goebbels (1897-1945), nominato l'anno seguente ministro della Propaganda del primo gabinetto Hitler.

Il ministro teorizzò e praticò il principio, tuttora usato, secondo cui ripetendo in continuazione notizie parzialmente o completamente false, in virtù dell'abitudine diventano vere e rimangono nella testa della gente. I discorsi di Adolf Hitler (e del suo spin doctor Goebbels), infatti, sono famosi per aver convinto, "rapito" e ingannato milioni di ascoltatori.

La lingua del nazismo. Ancora oggi ci chiediamo come sia stato possibile perpetrare uno sterminio sistematico di massa a danno degli ebrei. Anche se può suonare strano, una delle chiavi per capire la tragedia del genocidio, che devastò l'Europa dal 1942 al 1945, fu un certo utilizzo della lingua.

Goebbels si inventò una campagna contro gli ebrei: riuscì a diffondere il fantasma dell'antisemitismo, insinuando che i giudei non avrebbero avuto pietà per la Germania, portandola alla rovina, anche grazie a un linguaggio progettato ad hoc per tenere sotto controllo i sentimenti di pietà delle masse e, in una seconda fase, delle Ss stesse.

Maestro di propaganda. Uno dei principi su cui si poggiava il linguaggio elaborato da Goebbels e i suoi era l'incitamento al popolo (Volk) nell'unione contro un nemico comune, gli ebrei (die Juden), che avrebbe rappresentato una minaccia per la sopravvivenza della società tedesca e avrebbe "inquinato" la purezza della cosiddetta "razza ariana".

Grazie alla macchina della propaganda, nel giro di poco tempo, la popolazione ebraica si trasformò nel capro espiatorio di tutti i problemi tedeschi: dal patto di Versailles del 1919, che aveva condannato la Germania al pagamento di pesanti riparazioni di guerra, fino alla crisi economica, partita dagli Usa, che sconvolse la popolazione tedesca (e anche il resto del mondo) nel 1929.

Nazismo - poster antisemita
Un poster del 1940 accusa gli ebrei di aver causato la Seconda guerra mondiale. © Everett Collection / Shutterstock

uno studio sulla disumanizzazione. Oggi un'analisi linguistica della propaganda nazista condotta da un team di ricercatori guidato da Alexander Landry della Stanford Graduate School of Business (California) su pamphlet, trascrizioni di discorsi politici, articoli di giornali e manifesti , ha dimostrato che il linguaggio utilizzato per denigrare gli ebrei ebbe due fasi diverse, prima e dopo l'Olocausto.

Nei mesi che portarono alla deportazione nei lager, in particolare sono stati esaminati dai ricercatori documenti risalenti all'estate del 1941, la propaganda nazista "lavorò" per disumanizzare gli ebrei (per esempio negando la loro capacità di provare emozioni o sensazioni) per alleggerire le preoccupazioni morali degli elettori della Germania nazionalsocialista.

Nazismo - poster antisemita stella gialla
Lo stereotipo dell'ebreo malvagio in un poster accusatorio del 1943. © Everett Collection / Shutterstock

La teoria del complotto. Si registrò, invece, un cambio di rotta nel linguaggio durante l'Olocausto, quando le presunte "cattive intenzioni" degli ebrei di nuocere alla società tedesca vennero esplicitate con l'obbiettivo di demonizzare questa parte della popolazione. Descritti nei discorsi di Hitler come subumani e parassiti, gli ebrei vennero presto percepiti come un corpo estraneo, che traeva energia da quella nazione, avvelenandone la cultura, impadronendosi dell'economia e riducendo in schiavitù i suoi lavoratori.

I ricercatori affermano che questo cambio di registro fosse dettato  dall'esigenza di ritrarre gli ebrei come una minaccia, un complotto architettato per portare alla rovina la società, fornendo così un alibi morale a quei nazisti che, nella pratica, si occupavano materialmente di uccidere i detenuti nei campi di concentramento.

18 novembre 2022 Paola Panigas
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us