Storia

I nativi americani discendono dagli asiatici

Durante il Pleistocene Superiore gli asiatici migrarono in America: lo conferma l'analisi genetica di un cranio scoperto oltre 30 anni fa in Cina e appartenuto a una sapiens.

A oltre 30 anni dal ritrovamento, i ricercatori hanno scoperto a chi appartenesse il cranio di un individuo vissuto 14.000 anni fa nel Sudovest della Cina: non, come si sospettava, a un uomo di Neanderthal o di Denisova, ma a una donna sapiens. «È da tre anni che cerchiamo di estrarre il Dna da circa cento diverse zone del cranio: ora finalmente siamo riusciti a ottenere un campione sequenziabile», commenta Bing Su, uno degli autori dello studio pubblicati su Current Biology.

Mengzi Ren
Una ricostruzione dell'aspetto che doveva avere Mengzi Ren, la donna vissuta durante il Pleistocene Superiore i cui resti vennero ritrovati nel 1989 nella Red Deer Cave (letteralmente "Caverna del Cervo rosso"), nello Yunnan, in Cina. © Xueping Ji

Antenati dei nativi americani. La scoperta, oltre a porre fine al decennale quesito riguardante la specie di questo ominine, conferma anche un'altra teoria: i nativi americani discendono dagli asiatici, come era stato dedotto analizzando il Dna di persone attualmente viventi.

«È la prima volta che viene sequenziato il genoma di un individuo che visse nell'epoca in cui gli abitanti dell'Asia Orientale cominciarono a migrare verso l'America», sottolinea Su. Secondo le ricostruzioni dei ricercatori, alcuni antenati asiatici dei nativi americani avrebbero viaggiato verso nord lungo l'attuale costa orientale della Cina, attraversando le isole giapponesi prima di passare in America dalla Siberia.

I dubbi sciolti. Il cranio dell'ominine aveva caratteristiche miste, proprie degli umani moderni e di quelli arcaici: la forma era tipica dei Neanderthal, e il cervello sembrava più piccolo di quello degli umani moderni. Per questo, alcuni antropologi avevano ipotizzato che il cranio fosse appartenuto al rappresentante di una specie sconosciuta di esseri umani arcaici vissuti fino a relativamente poco tempo fa, o a una popolazione ibrida di umani arcaici e moderni.

Ora che i dubbi sono stati finalmente sciolti, il team punta a sequenziare nuovi genomi umani a partire da fossili ritrovati in Asia Orientale, per avere un quadro più completo delle migrazioni dei nostri antenati, ma anche per capire in che modo gli umani hanno cambiato il proprio aspetto fisico nel tempo adattandosi all'ambiente.

27 luglio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us