Storia

Mummie egizie: la benda dimenticata su una bambina

La fasciatura sulla gamba di una bambina svela come duemila anni fa gli Egizi usassero bende per proteggere le ferite, non solo per avvolgere le mummie. 

Una bambina con una brutta ferita sulla gamba, medicata accuratamente con una benda. Non sarebbe una notizia se questa bambina non fosse vissuta quasi duemila anni fa nell'antico Egitto e il suo corpo non fosse stato mummificato, benda compresa. Proprio studiando la sua mummia, proveniente dalla cosiddetta Tomba di Alina, presso l'antica Hawara (regione di al-Fayyum), e oggi conservata al Museo Egizio di Berlino, è arrivata la prova che gli Egizi utilizzavano bende di lino per proteggere le ferite e non solo per avvolgere i loro defunti nel sofisticato rituale della mummificazione.

Colpa di un gatto? A esaminare la mummia, risalente al I-II secolo d.C. in un Egitto già diventato provincia romana, è stato il team di Albert Zink, direttore dell'Istituto per lo studio delle mummie di Eurac Research. Tramite la tomografia computerizzata (TC), che consente di "guardare" all'interno delle mummie senza bisogno di spogliarle dai complessi bendaggi della mummificazione, si è notata la presenza di una sorta di garza appena sopra la caviglia della gamba sinistra; al di sotto, tracce di quello che potrebbe essere pus essiccato.

La mummia bambina del I-II secolo d.C. (da Hawara, regione di al-Fayyume Egitto) e le scansioni che rivelano la presenza di una benda sulla gamba sinistra.
La mummia bambina del I-II secolo d.C. (da Hawara, regione di al-Fayyum, Egitto) e le scansioni che rivelano, sulla gamba sinistra, la presenza di una benda. Le frecce indicano la posizione della garza e il materiale sottostante, probabilmente del pus essicato. © ©SMB, Ägyptisches Museum und Papyrussammlung. Foto: Sandra Steiß.

Che cos'era successo? Probabilmente la bambina, dall'età compresa tra i due anni e mezzo e i quattro, era stata attaccata da un gatto riportando una ferita che qualcuno si era premurato di fasciare dopo che si era probabilmente riempita di pus. «Le prove che si tratta della medicazione di una lesione sono molto forti proprio perché ci sono segni di un'infezione sottostante», spiega Zink. Non è certo però se la ferita purulenta abbia contribuito alla morte della ragazza, e non è chiaro perché gli imbalsamatori abbiano "dimenticato" quella fasciatura durante l'imbalsamazione. «Non penso che sia l'unica prova di medicazioni di ferite su una mummia, ma questa è la prima che siamo riusciti a descrivere nei dettagli», precisa Zink, la cui ricerca è stata pubblicata sull'International Journal of Paleopathology.

magia e medicina. A commentare la scoperta è stato anche l'egittologo Mohammed Ghoneim dell'Università Al Maarefa in Arabia Saudita, che non ha partecipato direttamente alla ricerca ma che ha dichiarato: «Non stupisce il fatto che gli Egizi curassero le ferite con delle bende. Avevano una comprensione dettagliata di anatomia, chirurgia e medicina e potevano diagnosticare e curare con successo diverse malattie, anche se il confine tra magia e medicina non era poi così definito».  

16 gennaio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us