Storia

Migliaia di antiche strutture nascoste nella foresta amazzonica

Sotto alla volta alberata della foresta amazzonica si troverebbero decine di migliaia di opere scolpite nel terreno, in gran parte mai esplorate.

Sotto alla fitta e impenetrabile copertura alberata della foresta amazzonica si celerebbero migliaia di strutture costruite dall'uomo tra 1500 e 500 anni fa. In base a un nuovo studio delle mappature laser del fogliame, nella vegetazione si troverebbero circa 16.000 antiche opere umane in pietra o scavate nel terreno, come pozzi, geoglifi, fossati, siti cerimoniali, rimasti nella maggior parte dei casi finora sconosciuti. La ricerca è stata pubblicata su Science.

Vedere l'invisibile. Un team di 130 scienziati del National Institute for Space Research in Brasile ha scandagliato le rilevazioni LiDAR pubblicamente disponibili dell'Amazzonia, effettuate dal governo del Brasile per stimare la biomassa della foresta pluviale. La tecnologia LiDAR (acronimo dell'espressione inglese light detection and ranging) misura il tempo impiegato dalla luce laser emessa da aerei o da droni a viaggiare verso la vegetazione e tornare indietro per realizzare una mappatura in 3D del paesaggio sottostante. In questo modo è possibile "vedere attraverso" il sottobosco e rilevare variazioni nell'andamento del suolo, o microrilievi non visibili neppure da satellite.

Saltate agli occhi. Una prima analisi dei dati ha fatto emergere motivi geometrici come cerchi e quadrati nella vegetazione. Una mappatura più accurata di un'area di 5.315 chilometri quadrati scansionati con la tecnica LiDAR ha permesso di identificare 900 opere umane già note nascoste nella foresta, oltre a 24 costruzioni mai scoperte prima inclusi siti cerimoniali, villaggi fortificati e strutture megalitiche (cioè erette con blocchi di pietre di grandi dimensioni), in alcuni casi di appena 1 metro di "spessore" rispetto al suolo forestale.

Se allarghiamo lo sguardo... La porzione di foresta analizzata rappresentava però appena lo 0,1% dei 6,7 milioni di chilometri quadrati dell'Amazzonia. Il team ha allora usato modelli statistici per prevedere quante altre strutture umane si nascondessero nella vegetazione, tenendo conto della concentrazione di opere nel primo fazzoletto di terra considerato. La stima è che possano rimanere circa 16.187 siti costruiti dall'uomo ancora da scoprire sotto la volta alberata.

Quando gli scienziati hanno preso in considerazione variabili come temperatura locale, precipitazioni, contenuto di argilla nel suolo e distanza dal fiume più vicino - tutte caratteristiche necessarie per riuscire a costruire ma anche a sopravvivere nella foresta - si è visto che la maggior parte delle strutture previste si dovrebbe trovare nel sudovest dell'Amazzonia, e in particolare nello Stato brasiliano di Acre.

Un giardino coltivato dall'uomo. Il team ha inoltre evidenziato un'elevata concentrazione di 35 piante addomesticate (come l'albero di noce brasiliana, l'albero della gomma o l'albero di cacao) nelle vicinanze dei siti archeologici: una caratteristica già emersa in studi passati che mostra come le antiche popolazioni sapessero modellare la foresta in base alle proprie esigenze.

«Si era soliti considerare le aree tropicali come zone di foresta davvero primigenia», ha detto l'archeologo dell'Università dell'Arizona Takeschi Inomata, autore di importanti studi LiDAR eseguiti in Messico nel 2021. «I nuovi risultati suggeriscono invece che fosse un luogo molto abitato». La prova tangibile, se ancora ce ne fosse bisogno, delle relazioni secolari tra i popoli indigeni e la foresta amazzonica.

17 ottobre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us