Storia

Un pugno al razzismo durante le Olimpiadi di Messico '68

Il 16 ottobre 1968, alle Olimpiadi del Messico, durante la premiazione, due atleti alzarono il pugno al cielo. Una presa di posizione contro il razzismo che i due atleti pagarono cara.

I giochi olimpici sono stati spesso occasione di boicottaggi e proteste a sfondo politico: l'attenzione mondiale, infatti, garantisce una visibilità pressoché unica. Come accadde il 16 ottobre 1968, sul podio di Città del Messico. Quel giorno gli americani Tommie Smith e John Carlos, rispettivamente medaglia d'oro (stabilendo il nuovo primato del mondo della distanza in 19"83, primo uomo a scendere sotto i 20 secondi) e di bronzo nei 200 metri piani, mentre suonava l'inno statunitense alzarono il pugno guantato di nero e abbassarono lo sguardo.

Il pugno della protesta. Il gesto era un simbolo del Black Power ("Potere nero"), parola d'ordine comune ai movimenti per l'emancipazione degli afroamericani, tra cui le Black Panthers. Era una silenziosa denuncia delle discriminazioni, del razzismo, che – nonostante la rimozione delle leggi segregazioniste – negli Usa continuavano.

Simboli. Gli atleti si erano presentati scalzi, ai piedi solo calze nere a simboleggiare la povertà in cui versavano gli afroamericani d'America. Al collo Carlos indossava una collana di perle, a rappresentare le pietre usate nei linciaggi dei neri.

Curiosità. Nella concitazione del momento John Carlos aveva dimenticato i guanti, così Tommie Smith gliene prestò uno dei suoi: ecco perché i due alzarono braccia diverse.

Gesto incompreso. Alla protesta si unì, indossando come loro una spilla in difesa dei diritti umani, il secondo classificato, l'australiano Peter Norman: quando morì, nel 2006, i due ex compagni di podio ne portarono il feretro. Ma molti altri non gradirono. Come l'ostacolista e campione olimpionico afroamericano Willie Davenport, che commentò: "Sono venuto per vincere una medaglia d'oro, non per parlare del Black Power".

Statua Carlos e Smith - Università di San José
La statua di Smith e Carlos eretta nel campus dell’Università di San José (California). © Victoria Ditkovsky / Shutterstock

Squalificati. Smith e Carlos furono esclusi dalle gare successive (la XIX Olimpiade era solo alla quarta giornata) e banditi dal villaggio olimpico. Ma con il passare del tempo quel gesto fu rivalutato per la sua composta fermezza: i due in seguito collaborarono con il team americano di atletica e nel 2005 quell'immagine, diventata un simbolo degli anni Sessanta, divenne una statua nel campus dell'Università di San José (California).

16 ottobre 2023 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us