Storia

Olocausto: il ruolo chiave dei medici tedeschi nel perpetrare i crimini del regime nazista

Eutanasia, sterilizzazioni e macabri esperimenti: più della metà dei medici tedeschi aderì all'ideologia nazista, contribuendo in modo determinante all'Olocausto.

Eugenetica, sterilizzazioni forzate, assassinii di massa mascherati da "eutanasia": questi sono solo alcuni dei più terribili crimini commessi dai nazisti tra gli anni Trenta e la fine del secondo conflitto mondiale. In ambito sanitario, il regime hitleriano si macchiò di atrocità indicibili, ma sarebbe un errore pensare che queste violenze siano state portate avanti solo da una esigua minoranza. Un nuovo studio pubblicato su The Lancet racconta infatti una storia molto diversa (e inquietante) sull'operato dei medici in quel periodo.

Compromessi. La ricerca è partita dall'iniziativa di Richard Horton, redattore capo della prestigiosa rivista medica inglese, che ha creato una commissione formata da venti ricercatori di varie università internazionali, con il compito di studiare la relazione tra medicina, nazismo e Olocausto attraverso un rigoroso esame delle fonti storiche. Questo gruppo di ricercatori ha stilato un documento nel quale viene messo in luce il ruolo svolto dagli operatori sanitari nel formulare, sostenere e attuare le politiche genocide della dittatura nazista.

Adesione di massa. I numeri emersi sono eloquenti e sottolineano come una buona parte dei professionisti sanitari dell'epoca fosse connivente con il regime: nel 1945, i medici tedeschi (non ebrei) iscritti al partito erano tra il 50% e il 65% del totale, una percentuale molto più alta rispetto a quella di tutte le altre principali professioni accademiche.

Falsi miti. Esaminando i documenti dell'epoca, la Commissione ha sconfessato una serie di luoghi comuni, primo tra tutti quello secondo cui gli unici responsabili dei crimini medici siano stati pochi "estremisti" (come Josef Mengele ad Auschwitz), o dottori costretti con la forza a violare elementari norme etiche. In realtà, molti di loro accettarono senza troppe proteste il nuovo "codice di condotta" del nazismo, sviluppato in modo da avanzare un programma razzista a favore degli "ariani" a scapito di etnie o categorie considerate inferiori (tra cui ebrei, rom, omosessuali o persone affette da disabilità) contro le quali venivano promosse pratiche come eutanasia, sterilizzazioni e brutali esperimenti che le trasformavano, di fatto, in cavie umane.

Il prezzo della scienza. I corpi delle vittime venivano usati per la ricerca e l'insegnamento, e anche decenni dopo la guerra alcuni resti vennero talvolta conservati in collezioni scientifiche. Stando allo studio di The Lancet, l'assenza totale di moralità non impedì alla ricerca nazista di compiere progressi significativi, tanto che la comprensione odierna di diverse materie, dall'ipotermia agli effetti del consumo di tabacco e alcol, si devono all'opera compiuta all'epoca dagli scienziati nazisti.

Etica. L'obiettivo degli studiosi è quello di evidenziare la necessità di coniugare etica professionale e ricerca scientifica. L'idea è che fornire risorse e informazioni su quel periodo storico alle odierne scuole di medicina, agli istituti di ricerca e alle associazioni che operano nel settore, in tutto il mondo, li renderà maggiormente consapevoli della loro responsabilità nei confronti delle prossime generazioni.

28 novembre 2023 Massimo Manzo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us