Storia

Maya: le giovani vittime sacrificali di Chichén Itzá erano fratelli (in alcuni casi gemelli)

Test genetici condotti su resti umani Maya rivelano l'identità delle vittime sacrificali di Chichén Itzá: generalmente maschi imparentati tra loro, talvolta gemelli.

L'antica città di Chichén Itzá era un importante centro politico dell'epoca Maya nei secoli precedenti l'arrivo dei coloni spagnoli. Oggi è un visitatissimo sito archeologico dello Yucatan, noto per la sua storia di sacrifici rituali le cui prove sono soprattutto nel famoso Sacro Cenote (un cenote è un pozzo naturale di acqua dolce), dove all'inizio del XX secolo vennero ritrovati centinaia di resti umani e un enorme tzompantli (letteralmente "rastrelliera di teschi") in pietra. Uno studio pubblicato su Nature traccia l'identikit della vittima sacrificale-tipo, scoprendo che si trattava spesso di maschi geneticamente affini e talvolta di gemelli identici.

Giovani maschi imparentati. Per giungere alle loro conclusioni gli studiosi hanno analizzato i resti di 64 bambini seppelliti in un chultún (cisterna di acqua) scoperta nel 1967 vicino al Sacro Cenote. Le analisi genetiche hanno svelato che si trattava di maschi – la maggior parte tra i 3 e i 6 anni di età – appartenenti alla popolazione Maya locale, che un quarto di loro era strettamente imparentato almeno con un altro bambino del gruppo e che avevano consumato diete simili, a riprova del fatto che erano stati cresciuti nella stessa famiglia ed erano parenti di primo o secondo grado.

Tzompantli
Una parte dello tzompantli in pietra ricostruito a Chichén Itzá. Qualche anno fa avevamo parlato di tzompantli aztechi (per approfondire). © Johannes Krause

La cosa più sorprendente è stata trovare tra i resti anche quelli di due coppie di gemelli omozigoti: nel complesso, spiegano gli autori, i risultati indicano che all'epoca i bambini venivano probabilmente selezionati a coppie per prendere parte alle attività rituali associate al chultún.

Il lascito genetico del colonialismo. L'analisi genetica condotta dagli studiosi ha permesso anche di indagare un'altra rilevante questione: l'impatto genetico a lungo termine delle epidemie dell'epoca coloniale sulle popolazioni indigene. Dagli studi è emersa infatti una continuità genetica tra gli antichi abitanti di Chichén Itzá e le popolazioni attuali della zona, a eccezione della presenza di alcuni geni HLA che proteggono dalla salmonella, infezione diffusa nel XVI secolo durante il colonialismo spagnolo. All'epoca guerra, carestie ed epidemie fecero crollare la popolazione del 90%. «I Maya di oggi portano nel loro patrimonio genetico le ferite delle epidemie di epoca coloniale», conclude il coordinatore della ricerca Rodrigo Barquera.

25 giugno 2024 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us