La vita di Marie Curie in foto

La storia per immagini di una delle menti più geniali dell'era moderna. Vai all'articolo principale

Un ritratto della scienziata: la figura di Maria Skłodowska è sempre stata soggetta a mitizzazioni, anche quando la scienziata era ancora in vita. Letta al di là del mito e degli stereotipi, la sua biografia appare sorprendentemente moderna e coraggiosa.

Con il marito Pierre, in laboratorio. Fino alla fama inaspettata giunta con il primo Nobel, nel 1903, i due scienziati vissero un'esistenza ritirata, votata a un incessante lavoro di ricerca.

Unica donna alla Conferenza Solvay per la Fisica del 1911. Quell'anno Marie Curie ottenne il suo secondo Nobel, per la scoperta di radio e polonio.

Un'altra foto di gruppo, ricolorizzata, della Conferenza Solvay. Marie Curie siede accanto ad altri scienziati del suo calibro, come Planck, Einstein e Bohr.

In laboratorio, nel 1921.

Impegnata in una lezione sulla radioattività all'Accademia di Medicina di Parigi, nel 1925. Marie Curie fu la prima donna ad ottenere il privilegio di insegnare alla Sorbona - inizialmente, soltanto perché aveva ereditato la cattedra del defunto marito.

Marie non ricondusse mai i sintomi di affaticamento, dolori alle ossa e - infine - quelli dell'anemia aplastica che la uccise, alla costante esposizione al radio. Questa foto fu scattata nel 1934, l'anno della sua morte.

Con la figlia Irène nell'ospedale di Hoogstade in Belgio, dove è appena stato installato un apparecchio radiografico. Lo scatto è del 1915: durante la guerra Marie Curie si spese per la diffusione di strumenti per le radiografie sia in strutture fisse, sia in stazioni mobili su ruote.

In viaggio per gli USA nel 1921, nel tour di conferenze e raccolta fondi organizzato dalla giornalista "Missy" Meloney.

Negli USA tra il Presidente Harding e la moglie, durante il tour trionfale del 1921.

Un ritratto della scienziata: la figura di Maria Skłodowska è sempre stata soggetta a mitizzazioni, anche quando la scienziata era ancora in vita. Letta al di là del mito e degli stereotipi, la sua biografia appare sorprendentemente moderna e coraggiosa.