Storia

L'Uomo di Kennewick antenato dei nativi americani

I resti di un ominide preistorico particolarmente importante per la storia d'America dovrebbero tornare alle popolazioni di nativi che ne reclamano l'appartenenza: un'analisi genetica stabilisce che esiste una stretta parentela tra lo scheletro e i moderni Pellerossa.

L'analisi del DNA di uno dei più contesi reperti archeologici d'America ha riacceso il dibattito sulla sorte che esso dovrà seguire. Lo scheletro dell'Uomo di Kennewick, un ominide preistorico ritrovato nel 1996 sul letto del fiume Columbia, nello Stato di Washington, condivide gran parte del patrimonio genetico con gli indiani d'America, che dal suo ritrovamento ne reclamano i resti per seppellirli.

Il reperto di 9 mila anni fa, tuttavia, è in ottime condizioni di conservazione e per questo motivo è da tempo reclamato dalla comunità scientifica affinché sia studiato. Da qui una lunga diatriba legale che le ultime analisi genetiche sembrano aver risolto: i resti dell'Uomo di Kennewick sono di un nativo americano. Lo ha stabilito l'analisi del DNA estratto da un osso della mano dello scheletro, condotta da Prof Eske Willerslev, del Centro di Geogenetica del Museo di Storia Naturale della Danimarca, presso l'Università di Copenhagen. Lo studio è stato pubblicato su Nature.

Aspra contesa. Dalla sua scoperta, lo scheletro dell'Uomo di Kennewick ha attirato l'attenzione di archeologi e antropologi, secondo cui il reperto potrebbe rivelare particolari interessanti sulle prime popolazioni americane.

Ma le popolazioni native americane dell'area, che chiamano lo scheletro "Ancient One" e lo ritengono un loro antenato, si sono appellate al Native American Graves Protection and Repatriation Act (Nagpra), una legge federale per la tutela dei diritti di queste popolazioni, per chiedere al governo americano che lo scheletro non venga dato alla scienza ma lasciato a loro affinché sia sepolto.

insufficienza di prove. Nel 2004, una battaglia legale ha dato ragione alla comunità scientifica, che sosteneva che lo scheletro avesse caratteristiche anatomiche simili prima a quelle degli europei, poi a popolazioni come quella degli Ainu giapponesi, o quelle polinesiane. Secondo il verdetto, non c'erano prove a sufficienza per sostenere che il reperto avesse affinità con i nativi americani.

Nipoti di diritto. Ma ora i risultati delle analisi genetiche ribaltano quella sentenza. Dalla comparazione dell'antico DNA con quelli di popolazioni moderne (Ainu e polinesiani inclusi), è emerso che il gruppo geneticamente più affine all'Uomo di Kennewick è la tribù nativo americana dei Colville, che ha acconsentito a fornire campioni di DNA per le analisi. In altre parole, i Colville sarebbero i suoi diretti discendenti.

Un paradosso. Forti di questa prova, i nativi americani promettono ora di ricorrere contro la causa del 2004, affinché lo scheletro possa finalmente riposare in pace. Ironia della sorte, è stata proprio un'analisi scientifica a stabilire che hanno ragione.

19 giugno 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us