Storia

Lo smiley più antico del mondo

Si troverebbe su una brocca ittita di 3.700 anni fa, rinvenuta al confine tra Turchia e Siria. Un antenato degli emoji? Forse, ma è anche una questione di interpretazione.

L'antico popolo anatolico degli Ittiti è soprattutto noto per i carri da guerra e per gli scontri con gli Egizi, ma una recente scoperta archeologica ne descrive un aspetto decisamente più gioviale.

Durante gli scavi nell'antica città di Karkemish, un sito abitato dagli ittiti al confine tra Turchia e Siria che negli ultimi sette anni ha restituito ogni sorta di vasellame, è stata rinvenuta una brocca che sembra mostrare il più remoto e longevo "smiley" mai ritrovato.

Un dolce scopo. La faccina sorridente si è potuta osservare soltanto quando gli archeologi turchi e italiani al lavoro tra gli scavi sono riusciti ad assemblare i cocci del recipiente, che risale al 1700 a.C. La brocca era utilizzata per servire il sherbet, una bevanda mediorientale a base di frutta e petali di fiore.

Come leggerlo? Ma è davvero uno smiley o è il nostro sguardo ormai viziato dagli emoji, a interpretarlo come tale? È davvero una "faccina" o è tutta colpa della pareidolia, il meccanismo che spinge il nostro cervello a ricondurre a forme conosciute gli oggetti, le cose o i paesaggi che vediamo?

«La faccia sorridente si vede senza dubbio. Non ci sono altre tracce di dipinto sulla fiaschetta, né paralleli nell'antica arte ceramica dell'aerea» ha commentato Nicolò Marchetti, docente del Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell'Università di Bologna, che dirige gli scavi dal 2003. «Come interpretazione, potete certamente scegliere la nostra».

Un sorriso da record. Se così fosse, quella sulla brocca sarebbe di gran lunga la più antica faccina sorridente mai ritrovata: a febbraio, un team al lavoro in Slovacchia aveva ritrovato uno smiley in calce alla firma di un avvocato, su un documento assai più recente: del 1635.

28 luglio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us