Storia

Le antiche vie romane come linee della metropolitana

Come spostarsi velocemente dall'Urbe al resto d'Europa: una mappa delle arterie di comunicazione dell'Impero realizzata con la classica grafica dei trasporti metropolitani.

Gli antichi romani sono passati alla Storia anche per la costruzione di importanti strade, ma è difficile oggi riuscire a farsi un'idea precisa del reticolo di vie che collegavano Roma alle altre città dell'Impero.

Sasha Trubetskoy, geografo e statistico di Washington, D.C., ci ha provato utilizzando un linguaggio per molti congeniale: quello dei percorsi delle metropolitane. Ha selezionato le città principali - le capitali delle province nel II secolo d.C. - e le ha trattate come fermate del metrò.

Uno schema delle antiche vie romane, che fotografa la situazione nel 125 d.C. Clicca sull'immagine per ingrandire. © Sasha Trubetskoy

Quindi, ha collegato questi snodi evidenziando le principali strade individuate nelle fonti storiche (tra le principali: il modello ORBIS dell'Università di Stanford, un progetto che raccoglie i dati sugli spostamenti e i viaggi ai tempi dei romani; il progetto Pelagios, una mappa digitale delle strade dell'antica Roma, e l'Itinerario antonino, un registro delle stazioni e delle distanze tra un insediamento romano e l'altro).

Quanto ci voleva? I tempi di percorrenza variavano in base al mezzo utilizzato, al denaro a disposizione e alla stagione. In estate, si poteva andare da Roma a Bisanzio (l'odierna Istanbul) in due mesi, a piedi, e in un mese a cavallo. Nella mappa mancano però gli spostamenti sull'acqua: quelli via mare erano più rapidi ed economici. Una combinazione di cavallo e navigazione poteva portare da Roma a Bisanzio in 25 giorni.

Il ruolo dei fiumi. Per Cristina Miedico, Direttrice Scientifica presso Museo Archeologico e Museo Diffuso di Angera, un'altra svista importante è la totale mancanza, nella mappa, dei fiumi, come Po, Reno, Rodano e Danubio. Se i romani impararono a costruire strade dagli Etruschi, furono invece maestri nel costruire arterie che incrociassero fiumi e vie d'acqua, in modo da favorire al meglio viabilità e commercio.

18 giugno 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us