Le rivolte più strane della storia

Nei secoli la gente è scesa in piazza non solo per rivendicare pane, libertà o diritti sindacali, ma anche per chiedere più birra, più calze di nylon e meno cappelli di paglia!

0-quarto-stato_oleg.roscovoi1-rivolta-della-birra2-rivolta-abiti-zoot3-rivolta-vaccini4-rivolta-anti-stravinsky5-guerra-giudaica6-rivolta-del-nylon7-cappello-paglia8-contro-autopsieApprofondimenti
0-quarto-stato_oleg.roscovoi

Nel corso dei secoli le ragioni per riempire le strade gridando la propria rabbia non sono mai mancate. Ma se molto spesso la gente è scesa in piazza per chiedere più pane o per gridare a morte l'invasore!, non sono mancate proteste decisamente originali. C'è chi si è ribellato per chiedere più birra, ad esempio, quando un'ordinanza impose la chiusura domenicale dei pub americani (1855). Oppure per chiedere meno cappelli di paglia (1922), o più calze di nylon (1945)! Ecco quali sono state le rivolte più originali e bizzarre della storia.

1-rivolta-della-birra

La rivolta della birra. Chicago, Stati Uniti, 1855: l'insurrezione scoppiò quando il sindaco emanò un'ordinanza che, oltre a triplicare il prezzo delle licenze per vendere alcolici, proibiva l'apertura dei pub la domenica! La reazione della comunità tedesca di immigrati (grandi bevitori di birra!) fu istantanea: la domenica era infatti l'unico giorno libero, il solo momento in cui potevano rilassarsi dopo sei giorni di lavoro, e negare questa opportunità era interpretato come un modo per discriminarli. Non rispettarono l'ordinanza, e dopo i primi arresti gruppi organizzati presero d'assalto le strade organizzando una vera e propria rivolta, repressa dalla polizia. Il sindaco, però, non fu rieletto... e il successivo revocò l'ordinanza.

2-rivolta-abiti-zoot

La rivolta contro gli abiti zoot. Los Angeles, Stati Uniti, 1943: la rivolta scoppiò nel pieno della Seconda guerra mondiale. Il bersaglio furono i cosiddetti abiti zoot, i completi maschili caratterizzati da giacca ampia e pantaloni larghi a vita alta. Originariamente indossati da chi faceva musica jazz, in quegli anni erano il tratto distintivo dei latinos, discriminati dalle élite cattoliche e protestanti almeno quanto i neri. Gli abiti richiedevano più tessuto rispetto a quelli normali, così - dato il razionamento dei tessuti in tempo di guerra - vennero giudicati anti-patriottici: era un pretesto, ma il risultato fu un susseguirsi di atti di violenza nelle maggiori città, contro i latinos, a cui venivano strappati i vestiti di dosso.

3-rivolta-vaccini

La rivolta contro i vaccini. Rio de Janeiro, Brasile, 1904: a inizio '900 la città era poverissima. Per migliorare l'igiene e arginare il diffondersi di malattie come la tubercolosi, il tifo, la lebbra, la febbre gialla e il vaiolo, il sindaco varò un piano che prevedeva la distruzione di vecchie palazzine e lo spostamento di migliaia di abitanti nei quartieri periferici. In più, impose vaccinazioni forzate per la popolazione: scoppiarono rivolte contro quella pratica che gli animisti consideravano un oltraggio alla loro fede. Per giorni la città fu sotto scacco, e al termine si contarono almeno 30 morti. Il programma di vaccinazione però non si arrestò: dopo una breve sospensione, riprese, e alcuni malattie vennero col tempo debellate. Nella foto, una vignetta satirica dell'epoca, pubblicata su di un quotidiano.

4-rivolta-anti-stravinsky

La rivolta anti Stravinsky. Parigi, Francia, 1913: il 29 maggio 1913 fu presentato il balletto La Sagra della Primavera, su musiche di Igor Stravinsky. Era l'epoca delle avanguardie artistiche e delle sperimentazioni, anche musicali, e il pubblico non era preparato a quei suoni, giudicati cacofonici. Anche la storia era particolare: raccontava di un rito sacrificale pagano nella Russia antica, all'inizio della primavera, nel quale un'adolescente veniva scelta per ballare fino alla morte per propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione. Tra il pubblico parigino, al montare della musica iniziò a serpeggiare lo sdegno, con tanto di lancio di verdure sul palco e, si dice, qualche scazzottata: la performance si concluse però senza nessun ferito grave.

5-guerra-giudaica

L'oltraggio puzzolente. Gerusalemme, Palestina, I secolo d.C.: nelle sue cronache della Guerra giudaica (66-70 d.C.), lo storico di origine ebraica Flavio Giuseppe narra un episodio curioso, un moto di rivolta contro gli occupanti romani dopo un incidente in un tempio, dove alcuni ebrei erano raccolti per le loro celebrazioni religiose. Un soldato romano entrò nel tempio, alzò la veste mostrando il fondoschiena... e fece un rumore in linea con la sua postura! La folla iniziò a urlare e a lanciare pietre contro i soldati: un comandante romano chiamò i rinforzi per fermare la rivolta, e sul campo rimasero diversi morti.

6-rivolta-del-nylon

La rivolta del nylon. Da New York a Pittsburgh, Stati Uniti, 1945: il nylon iniziò a essere prodotto a partire dal 1939. Durante la Seconda guerra mondiale però il nuovo materiale era destinato principalmente ai militari, per le divise e i paracadute, per ovviare alla mancanza di seta dovuta all'embargo giapponese. Le calze di nylon erano distribuite solo al mercato nero. Con la fine della guerra l'unica azienda che le produceva in America promise di metterne in vendita 360 milioni: la notizia si sparse nel Paese e decine di migliaia di donne accorsero nei negozi per accaparrarsi un paio di quelle nuove meraviglie. La produzione fu però molto inferiore, col risultato che solo a New York furono 30.000 donne le donne che protestarono, e almeno 40.000 erano in coda davanti ai magazzini di Pittsburgh, creando disordini e tafferugli.

7-cappello-paglia

La rivolta contro i cappelli di paglia. New York, Stati Uniti, 1922: agli inizi del Novecento, in America, una regola non scritta vietava di indossare i cappelli di paglia oltre il 15 settembre. Dopo quella data era infatti opportuno sostituirli con copricapo più pesanti, in feltro. La curiosa regola era così stringente che se qualcuno non la rispettava rischiava di vedersi sfilare il cappello dalla testa! Nel 1922 a New York la situazione degenerò con lo scoppio di una rissa tra un gruppo di adolescenti e alcuni scaricatori di porto: i giovani iniziarono a togliere i cappelli ai lavoratori sulla banchina, e questi a reagire a suon di pugni. La rissa venne sedata, ma una folla di giovani proseguì nella "missione" anti-cappello, facendo anche irruzione nei negozi dei cappellai, fino a quando la polizia non riuscì a rimettere ordine in città.

8-contro-autopsie

La rivolta contro i dottori di New York. Stati Uniti, 1788: in America, così come in Inghilterra, era pratica diffusa (seppure illegale) riesumare i corpi dei defunti per studiarli a scopo scientifico. Richard Bayley, direttore dell'ospedale di New York, era un fervente fautore della tradizione. Finché a essere riesumati erano i corpi di bianchi poveri o di schiavi di colore, nessuno disse nulla. Quando però si diffuse la notizia che a essere riesumato era stato il corpo di una donna bianca... duemila persone si riversarono nell'ospedale, dove trovarono molti corpi mutilati e dissezionati. Indignati, i manifestanti scesero per le strade dando vita a una rivolta che, prima di essere sedata, costò la vita a tre persone (ma alcune fonti riferiscono addirittura di 20 morti).

Nel corso dei secoli le ragioni per riempire le strade gridando la propria rabbia non sono mai mancate. Ma se molto spesso la gente è scesa in piazza per chiedere più pane o per gridare a morte l'invasore!, non sono mancate proteste decisamente originali. C'è chi si è ribellato per chiedere più birra, ad esempio, quando un'ordinanza impose la chiusura domenicale dei pub americani (1855). Oppure per chiedere meno cappelli di paglia (1922), o più calze di nylon (1945)! Ecco quali sono state le rivolte più originali e bizzarre della storia.