Storia

Le prime società agricole, costruite sulle braccia delle donne

Le lavoratrici preistoriche avevano ossa superiori più forti di quelle delle moderne campionesse di canottaggio: erano loro ad essere specializzate nei lavori manuali di fatica.

Forti le donne lo sono da sempre. Anche nelle ossa e nei... bicipiti, una caratteristica - quest'ultima - che in parte si è persa nel corso della Storia. Le analisi dei resti di contadine preistoriche, appartenute alle prime società agricole, rivelano che gli arti superiori di queste lavoratrici erano più forti e abituati alla fatica di quelli delle atlete moderne, campionesse di canottaggio incluse.

Gli studi sulla transizione tra popolazioni di cacciatori raccoglitori e comunità agricole si concentrano di rado sull'elemento femminile. Si sa per esempio che le ossa maschili, quando le corse per la caccia diminuirono, si fecero meno arcuate e più flessibili. Quelle femminili non cambiarono granché: un dato che portava alcuni a credere che a sopportare la fatica fossero più che altro gli uomini.

Allenate alla fatica. Si guardava alle ossa sbagliate: gli antropologi dell'Università di Cambridge (Inghilterra) hanno esaminato con sistemi di scansione laser 3D 89 tibie e 78 ossa degli avambracci di donne del Neolitico (5300-4600 a.C.), dell'Età del Bronzo (3200-1450 a.C.), dell'Età del Ferro (850 a.C. - 100 d.C.), e del Medioevo (800-850 d.C.) in Europa centrale. Le hanno confrontate con le ossa di gambe e braccia di studentesse campionesse di atletica, calcio e canottaggio, e si sono accorti che, se le ossa delle gambe non si erano modificate di molto, le ossa delle braccia delle donne preistoriche erano il 5-10% più forti di quelle delle atlete moderne.

Macchina produttiva. Questo suggerisce una specializzazione nel lavoro manuale differenziato (trasporto di pesi, lavorazione della terra, macinazione dei cereali) rispetto agli uomini, che alternavano vita nei campi e caccia (o altre attività in cui contavano di più le gambe). La scoperta potrebbe spiegare anche l'origine della moderna osteoporosi: su creature evolutivamente pronte a sostenere lavori fisici importanti, la sedentarietà ha avuto effetti dannosi.

30 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us