Storia

Le prime angurie venivano mangiate per i semi

I semi di un'anguria di 6.000 anni fa rivelano che non le abbiamo sempre coltivate per la polpa.

L'anguria, o cocomero se preferite, è il classico frutto estivo, divorato in enormi quantità perché la sua polpa è succosa e dissetante; e come sa chiunque ne abbia mai mangiato una fetta, sputarne i semi è una delle piccole grandi gioie della vita. Eppure non è sempre andata così: mangiamo angurie da più di 6.000 anni, ma all'inizio le cercavamo per altri motivi, ignorando la polpa e puntando tutto proprio sui semi.

Angurie addomesticate. È il risultato di una ricerca condotta su resti archeologici ritrovati in Libia e risalenti, per l'appunto, a 6.000 anni fa, che dimostrano come le prime angurie "addomesticate" fossero diverse da quelle moderne, e coltivate appunto per i loro semi. Lo studio è pubblicato su Molecular Biology and Evolution.

La storia dell'anguria. Sappiamo da tempo che l'anguria è stata usata come cibo per la prima volta in Africa. Quello che non sappiamo è quando e dove precisamente abbiamo cominciato a coltivare la forma moderna, quella che mangiamo per la sua ricca polpa: l'anno scorso, per esempio, la sua origine è stata identificata nella valle del Nilo, circa 2.000 anni fa, ma ci sono testimonianze ancora più antiche del consumo di anguria da parte dell'uomo. Il problema è che si tratta di semi, l'unica parte di questo frutto che ha qualche speranza di fossilizzarsi; e osservare un seme fossile di anguria non è sufficiente per stabilire se si tratti davvero di un seme di Citrullus lanatus o se appartenga invece a una delle altre sei specie del genere Citrullus, che hanno tutte una polpa più dura e dal sapore amaro.

Il DNA dei semi. Il team della Washington University di St. Louis si è quindi dovuto rivolgere a un altro metodo: l'analisi genetica, condotta su una serie di semi ritrovati in Libia e che risalgono a 6.000 anni fa – molto tempo prima il teorico inizio della "domesticazione" dell'anguria. Il loro genoma è stato confrontato con quello delle specie attuali di anguria, scoprendo così che i semi libici non appartengono a Citrullus lanatus ma a Citrullus mucosospermus, una specie che oggi si ritrova solo nell'Africa occidentale. Quello che è interessante, però, è che i semi portano segni di denti umani, e appartenevano a frutti coltivati, non raccolti; se però questa "anguria ancestrale" non aveva una polpa nutriente, perché veniva coltivata? Per i semi, appunto, che come quelli dell'anguria moderna sono ricchi di nutrienti e molto saporiti: venivano fatti asciugare all'aria, arrostiti oppure bolliti, e rappresentavano un ottimo spuntino già 6.000 anni fa.

Poi abbiamo scoperto l'anguria con la polpa commestibile, e da lì è cambiato tutto…

22 agosto 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us