Storia

Scoperto il mistero delle orme di mani con le dita mutilate

Le impronte di dita mutilate trovate nella grotta di Gargas sarebbero la prova che l'Homo sapiens praticava riti sacrificali oltre 25 mila anni fa.

Si è sempre ritenuto che le impronte di mani fatte con il colore, ritrovate sulle pareti delle grotte, non fossero un gioco: l'uomo preistorico usava lasciarle durante i suoi rituali. Ora, però, uno studio chiarisce il mistero delle "dita mancanti" in queste impronte.

Sono stati prese in esame circa 300 orme preistoriche di mani provenienti da siti spagnoli e francesi, dove mancano alcune falangi di una o più dita. I ricercatori Mark Collard e Brea McCauley, della Simon Fraser University (SFU), sono arrivati alla conclusione che queste orme mutilate siano il risultato di amputazioni rituali. In alcuni casi manca una delle tre falangi del dito, mentre in altri più falangi anche di diverse dita.

Nessun trucco. La questione era da tempo dibattuta perché gli umani, allora come oggi, fanno molto affidamento sulle mani ed è difficile pensare che così tanti individui avessero perso accidentalmente delle dita nelle loro attività quotidiane. Ecco perché molti archeologi avevano pensato a rappresentazioni intenzionali.

In genere le orme sono stampi (tipo stencil) che venivano lasciati soffiando ocra o polvere di carbone di legna mediante un osso cavo sul dorso della mano con il palmo tenuto contro la roccia. Sarebbe bastato piegare una o più dita per simularne la mancanza. I più possibilisti, rispetto a una reale perdita di dita, avevano pensato a frequenti congelamenti.

rituali violenti. Invece Collard e McCauley hanno osservato che l'amputazione rituale è diffusa nella nostra specie: riguarda oltre un centinaio di culture sin dall'antichità. E le motivazioni che inducevano le antiche civiltà a praticare amputazioni sono applicabili anche all'uomo preistorico. In conclusione gli studiosi ritengono che molte immagini di mani sulle pareti delle rocce, in particolare del Gravettiano (29 mila-20 mila anni fa), siano la prova di riti sacrificali per ottenere aiuto da un'entità o un potere superiore, in linea con l'animismo che caratterizzava le prime forme religiose.

Amputazioni diffuse. In risposta alle possibili critiche a questa conclusione, in particolare da coloro che sostengono le cause incidentali della perdita del medio e dell'anulare durante la tarda era glaciale, rispetto a quella del mignolo che viene più comunemente tagliato ritualmente nelle culture storiche, i ricercatori della FSU hanno condotto ulteriori osservazioni.

Nelle grotte di Gargas, alti Pirenei francesi, sono state censite 231 impronte di mani, realizzate da circa 45-50 individui. Di queste, 114 mancano di una o più falangi delle dita.

Nella grotta di Cosquer, sempre in Francia, 28 su 49 mancano di alcune falangi. E a Maltravieso, nella Spagna occidentale, è lo stesso per 61 delle 71 figure di mani.

Alle origini della religione. Molto prima degli studi di Collard e MacCauly, nel libro La creazione del Sacro (Adelphi 2003), Walter Burket ha affrontato le origini " biologiche" dei sacrifici umani. Il taglio di dita e altre usanze sacrificali avrebbero delle analogie in natura che l'uomo ha elaborato nella sua visione simbolica e rituale. Per esempio, quando un predatore in natura attacca un gruppo di erbivori, si assiste al "sacrificio" di un suo componente che libera gli altri dal pericolo. O anche, appare significativa al riguardo l'autotomia, il processo per cui alcuni animali riescono a mutilare parte del proprio corpo. Il caso più noto è la perdita volontaria della coda della lucertola, quando sacrifica una parte di sé per salvarsi se sta venendo catturata. L'uomo del Gravettiano, viveva in una "selva di pericoli". Occorreva un gesto magico-religioso per restare vivi.

18 gennaio 2024 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us