Storia

La tomba di Cervantes ritrovata a Madrid

Le ossa dell'autore del Don Chisciotte sono state rinvenute nella cripta del convento delle Trinitarie Scalze a Madrid, a quasi 400 anni dalla sua morte.

A quasi quattro secoli dalla sua morte, i resti di Miguel de Cervantes Saavedra (1547-1616), autore del Don Chisciotte della Mancia, sono stati rinvenuti all'interno dello stesso convento in cui originariamente erano state sepolte: quello delle Trinitarie scalze, a Madrid.

Lì da sempre. Le ossa dello scrittore spagnolo, tra i padri del romanzo moderno, non hanno mai lasciato quella chiesa. Sepolte al suo interno per volontà di Cervantes stesso, erano state rimosse nel tardo XVII secolo, durante i lavori di espansione dell'edificio. Da quel momento, se ne erano perse le tracce. Finché un'equipe di archeologi guidata dal medico forense Francisco Etxebarria non ha individuato i resti sotto a una delle 33 nicchie della parete di fondo della chiesa moderna.

Nessuna certezza. I risultati della ricerca sono stati divulgati in una recente conferenza stampa nel Comune di Madrid, ma la cautela è d'obbligo: nella cripta sono stati rinvenuti una quindicina di scheletri, tutti in pessimo stato di conservazione, e l'assenza di un esame del DNA non può consentire la certezza dell'attribuzione.

Indizi forti. «Ma siamo certi che quello che le fonti storiche dicono essere il luogo di sepoltura di Miguel de Cervantes e di altre persone inumate insieme a lui è quello che abbiamo trovato» dice l'archeologa Almudena Garcia Rubio, nel team di ricerca. La datazione delle ossa e del vestito di una salma sarebbero coerenti con il primo Seicento (lo scrittore perì nel 1616).

sigla misteriosa. Ci sarebbero poi le caratteristiche fisiche note del cranio dello scrittore, che aveva un naso aquilino, era gobbo e sdentato, e portava una vistosa ferita al braccio sinistro, un ricordo della Battaglia di Lepanto (1571). E anche le iniziali "M.C." scritte coi chiodi sulle assi di legno del feretro, che potrebbero riferirsi però anche a qualcun altro. Certo le coincidenze iniziano a diventare molte.

tassello mancante. Il luogo esatto della sepoltura, una cripta quasi nascosta nel retro della chiesa, è stato individuato con scanner 3D e potenti radar. Insieme alle ossa di Cervantes potrebbero esserci quelle della moglie, Catalina de Salazar, ma per l'identificazione certa occorrerà l'esame del DNA, reso difficile dal fatto che non si conoscono molti eredi certi dello scrittore, di cui si sa che ebbe una figlia illegittima.

Funerali postumi. Dopo gli esami di rito il feretro verrà sepolto con tutti gli onori, e lasciato nel luogo caro allo scrittore: sarebbe stato proprio quel convento a saldare il riscatto chiesto dai pirati ottomani che rapirono Cervantes durante un viaggio per mare da Napoli alla Spagna.

La sua liberazione avvenne dopo 5, duri anni di prigionia.

19 marzo 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us