Storia

La spia nel letto

Le chiamano honey trap, "trappole al miele": quando gli agenti segreti hanno usato l'arma della seduzione.

"Finché esisterà lo spionaggio, ci saranno dei Romeo che conquisteranno vittime inconsapevoli". La dichiarazione viene da un esperto in materia, l’ex capo dei servizi segreti della Repubblica democratica tedesca Markus Wolf, l’ideatore di un raggruppamento di spie specializzate nel sedurre ignare “Giuliette”. Insomma, qualche volta per farsi la guerra serve... fare l’amore. Per ricattare qualcuno o estorcergli informazioni, infatti, non c’è di meglio che sfruttarne la solitudine o le predilezioni sessuali. Lo testimonia il successo costante di una vecchia arma dello spionaggio, la honey trap, letteralmente “trappola al miele”: in pratica, un agente che usa le sue arti amatorie per incastrare un bersaglio. Certo, non si può escludere a priori che una relazione iniziata con l’inganno possa trasformarsi in vero amore. Ma, di solito, un bel giorno le vittime scoprono di non essere amanti irresistibili, ma burattini più simili al classico marito: quello, cioè, che è sempre l’ultimo a sapere di essere stato tradito.


Una scena del film 007, dalla Russia con amore del 1963. In cui l'attrice Daniela Bianchi recita la parte di una bond girl, Tatiana Romanova.

Nel 1986 Mordechai Vanunu, un tecnico israeliano che aveva lavorato all’impianto atomico di Dimona, rivelò ai giornali inglesi che Israele aveva un arsenale atomico. Le sue affermazioni non solo contrastavano con quelle ufficiali del Paese, imperniate a una voluta ambiguità, ma, a suo dire, potevano reggere ogni verifica. Ovviamente i giornali inglesi si scatenarono per raccogliere l’intera versione di Vanunu. Il Sunday Times ebbe la meglio e gli offrì un rifugio segreto mentre si occupava di verificare i dettagli della sua storia.

Vacanze romane. Un giorno, però, Vanunu annunciò ai “gorilla” mandati dal giornale che aveva conosciuto una ragazza con cui stava progettando un weekend romantico a Roma. Il giornale non poté trattenerlo, ma fu un grosso errore. La nuova amica di Vanunu non era, come diceva, una studentessa americana, ma un’agente del Mossad: Cheryl Ben Tov, nome in codice “Cindy”. Il suo compito, più che sedurre l’ingenuo Vanunu, era portarlo fuori dal Regno Unito: bisognava fugare il sospetto di un complotto israeliano, inevitabile se l’uomo fosse sparito nel Paese in cui minacciava di rivelare tutto. Appena arrivato a Roma, Vanunu fu rapito da agenti del Mossad, drogato e spedito via nave in Israele dove fu processato per tradimento. Condannato, rimase in carcere per 18 anni, 11 dei quali in isolamento. Rilasciato nel 2004, è tuttora obbligato a soggiornare a Gerusalemme e non può incontrare stranieri, accedere a Internet o usare un telefono cellulare.

E Cindy? Vive con il marito e due figlie negli Usa, dove ha ottenuto successo come agente. Immobiliare.



Mata Hari ballerina in alcune immagini dell'epoca.

Benché sia nota come una delle spie più leggendarie della Storia, probabilmente Mata Hari non ebbe nulla a che fare con lo spionaggio. Pat Shipman, autrice di una sua biografia, sostiene che, anziché un’incantatrice, fosse un’ingenua, ingannata da uomini da cui non voleva informazioni, ma semplicemente amore. Fin da piccola l’olandese Margaretha Geertruida Zelle era stata il vanto di suo padre ed era cresciuta con il desiderio di piacere al sesso forte. Nel 1893, all’età di 16 anni, fu cacciata da scuola per una relazione con il preside. Due anni dopo conobbe il capitano Rudolf MacLeod: alto, bello e molto più vecchio di lei. L’attrazione fu istantanea: si sposarono tre mesi dopo e si trasferirono a Giava (Indonesia), ma l’unione presto naufragò e lei, senza soldi, decise di trasferirsi a Parigi. Qui, dopo qualche incontro “a pagamento”, trovò impiego in un circo. Si esibiva eseguendo le danze imparate in Oriente: con il nome di Mata Hari, “Occhio del giorno” in malese, divenne una celebrità e conquistò, oltre ai principali teatri d’Europa, una lunga serie di amanti. Tra loro, un diplomatico tedesco all’Aja, Alfred von Kremer (ma alcuni storici lo indicano come Karl Kramer). Fu lui a darle, nel 1916, 20 mila franchi, un incarico segreto e un nome in codice: H21.
Mata Hari prese il denaro, ma – pare – non prese sul serio la missione. Anzi, una volta rientrata a Parigi accettò di diventare una spia per la Francia, dietro il compenso astronomico di un milione di franchi. Sulla rilevanza del suo lavoro ci sono molti dubbi: alcuni sostengono che non riferì mai nulla, troppo occupata a guadagnare e amare, altri che fu invece lo spiare tanto per i tedeschi quanto per i francesi a esserle fatale. In ogni caso, quando in Germania sospettarono il doppio gioco, inviarono un telegramma cifrato di istruzioni per l’agente H21, usando però un vecchio codice già decrittato dai francesi, che ne svelarono così l’identità. Mata Hari fu arrestata il 13 febbraio 1917. Contro di lei mancavano solide prove dell’attività spionistica. Tuttavia, scrive la Shipman, Mata Hari aveva una colpa: «Era una bella donna, viaggiava da sola, era ricca, colta e, anche durante il processo, aveva ammesso di avere numerosi amanti. Insomma, era immorale, e di lei non bisognava fidarsi». La Zelle fu giustiziata il 15 ottobre 1917. Quella mattina si vestì con cura, salutò il plotone d’esecuzione e, sprezzante, rifiutò di farsi bendare.


Anni '60. Alcune immagini di Christine Keeler, la spia amante di John Profumo, allora ministro britannico.


Monica Vitti nel promo di Modesty Blaise, la bellissima che uccide, del 1966.

Daily Telegraph

Lo chiamavano “l’Uomo senza volto”. Markus Wolf, abilissimo a evitare di essere fotografato, fu uno dei membri più brillanti dei servizi segreti dell’ex Germania Est. Per questo è considerato il modello ispiratore di John le Carré per il personaggio di “Karla”, il maestro dello spionaggio sovietico dei suoi romanzi sulla guerra fredda (anche se l’autore ha sempre negato). All’inizio degli Anni ’50 Wolf si era reso conto che la morte di milioni di uomini nella Seconda guerra mondiale aveva favorito la carriera di molte donne nel governo, nel commercio e nell’industria della Germania Ovest. Tante di loro erano sole e pronte a cadere tra le braccia di qualche fustaccio. Perciò Wolf organizzò uno speciale dipartimento della Stasi destinato agli agenti più belli e intelligenti: le spie “Romeo”. Seducendo donne ingenue, ma potenti, a un certo punto le spie s’infiltrarono persino nella segreteria di Helmut Schmidt, cancelliere della Repubblica federale di Germania negli anni Settanta, riferendo del carteggio tra lui e Jimmy Carter, presidente Usa.
Da Est a Ovest. Il meccanismo ideato da Wolf funzionò finché il controspionaggio della Germania Ovest non trovò un modo per identificare gli agenti della Repubblica democratica tedesca prima che facessero conquiste: osservare il loro taglio di capelli. Infatti, all’ingresso nella Repubblica federale portavano ancora un pratico taglio corto dietro e ai lati, invece di quello “da capelloni” di moda nell’Ovest.
La carriera di Wolf si concluse con la riunificazione tedesca. Nel 1993 fu accusato di tradimento, ma in appello fu assolto in base al presupposto che Markus “Mischa” Wolf aveva agito in favore di quello che allora era il suo Paese. Un secondo processo per un rapimento condotto dalla Stasi portò a una condanna di due anni, poi sospesa. Morì a 83 anni, il giorno del diciassettesimo anniversario della caduta del muro di Berlino.


Intervista a Anya Kushchenko, meglio conosciuta come Anna Chapman, accusata di spionaggio negli Stati Uniti a favore di Mosca.

honey trap

15 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us