Storia

La ricetta del vino nell'Antica Roma

Uve selvatiche locali, catrame di pino importato: l'analisi di tre anfore rimaste in fondo al mare racconta come si faceva il vino nell'Urbe.

Uva raccolta nei paraggi lasciata fermentare in anfore rese impermeabili con catrame importato: era questa, in estrema sintesi, la "moda" di produzione del vino in voga nell'antica Roma. Lo rivela l'analisi di tre giare in terracotta per bevande alcoliche rinvenute sul fondale marino del porto di San Felice Circeo, a circa 90 km dall'Urbe. I risultati dello studio sono stati pubblicati su PLOS ONE.

Sapori e profumi. Un gruppo di archeologi dell'Università di Avignone (Francia) ha analizzato la combinazione di marcatori chimici all'interno dei reperti: il mix di residui di tessuti vegetali e di pollini suggerisce che le anfore venissero usate per la produzione di vino bianco e rosso, e che il catrame di pino, conifera di cui sono state trovate tracce molecolari, fosse invece utilizzato per rendere impermeabili i contenitori e allo stesso tempo per aromatizzarne il contenuto, come assodato in altri siti archeologici.

A km zero... o quasi. Il polline coincide con quello di vitigni selvatici tipici della zona: i produttori di vino utilizzavano dunque uve locali, non è chiaro se selvatiche o già domesticate. Il catrame di pino, che si ottiene con la combustione della legna in condizioni di scarsa ossigenazione e che in antichità era sfruttato anche per rivestire la chiglia delle navi, proveniva invece da altre zone dello Stivale. Probabilmente veniva importato dalla Calabria o dalla Sicilia, in base a quanto raccontano le testimonianze storiche.

Nulla di intentato. L'importanza dello studio, al di là dell'interesse culturale, sta nell'approccio multidisciplinare applicato allo studio dei reperti. Per arrivare a queste conclusioni sono state compiute analisi chimiche e paleobotaniche, consultate fonti storiche scritte e archeologiche, è stata studiata la forma delle anfore e sono state prese in considerazione le precedenti analisi sul tema. Tutti questi elementi combinati hanno contribuito a ricostruire la storia nascosta dietro a tre "silenziosi" reperti.

5 luglio 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us