Storia

La protesi più antica della storia è opera degli Egizi

L'arto artificiale è il primo dito del piede di una donna rinvenuta nel corso di scavi archeologici nei pressi del Cairo (Egitto), in un sito datato circa 3.000 anni. La protesi è fatta di legno e pelle, è assemblata in modo da potersi piegare e sia la forma sia i segni di usura suggeriscono che aiutasse davvero la sua padrona a camminare. Per verificare questa ipotesi Jacky Finch, ricercatore del Knh Center for Biomedical Egyptology di Manchester sta addirittura reclutando volontari amputati del primo dito del piede destro che vogliano testarne una copia! Prima del "Cairo Toe" (letteralmente, "alluce del Cairo"), datato tra il 1000 e il 600 a.C., la più antica protesi ritenuta efficace era una gamba in bronzo e legno del 300 a.C. ritrovata in una tomba romana.
Farsi belli prima di... dipartire. Gli egizi (ma non solo) preparavano con cura il corpo per il viaggio nell'aldilà, e molte mummie hanno appendici false: mani, piedi, organi sessuali maschili... Si tratta però, in genere, di rimpiazzi estetici, come nel caso del dito di pergamena e gesso conservato al British Museum (Londra), che serviva solo a "riempire un buco", o dell'occhio finto ritrovato in una tomba in Iran, incastrato in un teschio vecchio di quasi 5.000 anni (vedi "L'occhio finto più antico del mondo"). Questo nuovo ritrovamento suggerisce invece che gli egizi avessero conoscenze di anatomia e meccanica sorprendemente avanzate per l'epoca.

Com'era impiantata e come funzionava la protesi che aveva la funzione dell'alluce? In questa immagine l'ipotesi dei ricercatori dell'università di Manchester.

31 luglio 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us