Storia

La prima rissa della storia

L'uomo è stato violento e litigioso fin dalla notte dei tempi: ecco la storia dell'uomo di Maba, sopravvissuto a una violenta rissa di 200.000 anni fa.

Un teschio umano risalente a circa 200.000 anni fa e scoperto in Cina nel 1958 potrebbe essere una delle più antiche prove fossili di violenza tra esseri umani.
Il cranio del nostro malcapitato antenato presenta infatti evidenti segni di frattura sul lato destro compatibili con quelli provocati un colpo molto forte e preciso portato da una pietra, un bastone o un qualche altro tipo di arma.
Lo sostiene Erik Trinkaus, archeologo presso la Washington University di St.Louis. «Non è il primo fossile con tracce di ferite che ci capita di osservare», spiega il professore, «ma è il primo sul quale le prove di violenza sono così evidenti».
Le tracce del trauma sono localizzate in una zona molto circoscritta e ciò fa escludere cause accidentali come cadute o attacchi da parte di animali.
La frattura si presenta comunque completamente saldata e ciò fa suppore che lui, o lei, siano sopravvissuti a lungo alla ferita.

29 novembre 2011 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us