Storia

La dodicesima grotta di Qumran

La caverna sulle sponde del Mar Morto contiene tracce degli antichi rotoli trafugati a metà del '900 e segni evidenti del passaggio dei saccheggiatori.

Una serie di scavi sulle colline a ovest di Qumran, vicino alla sponda nord-occidentale del Mar Morto, in Cisgiordania, ha portato alla scoperta di una grotta che un tempo doveva contenere i famosi Rotoli del Mar Morto, e che fu saccheggiata da ladri di reperti attorno alla metà del '900.

Testimonianze. I manoscritti del Mar Morto comprendono circa 900 documenti su pergamena, tra cui antichi testi e commenti biblici scritti da diversi gruppi ebraici che si alternarono nell'insediamento di Qumran. Furono rinvenuti tra il 1947 e il 1956 in 11 grotte intorno al Mar Morto, e risalgono al cosiddetto Periodo del Secondo Tempio (597 a.C. - 70 d.C.).

I resti di una pergamena trattata per essere compilata. © Casey L. Olson and Oren Gutfeld

Recipienti. Il sito appena ritrovato è il dodicesimo a essere scoperto, il primo negli ultimi 60 anni. All'interno, un gruppo di archeologi dell'Hebrew University of Jerusalem's Institute of Archaeology e della Liberty University della Virginia ha ritrovato giare e coperchi di contenitori dell'epoca nascosti in vani lungo le pareti e in un tunnel, sfondati a picconate per sottrarne il contenuto (lo strumento è stato ritrovato poco distante, tra quelle stesse rocce).

Le prove. Non è stato rinvenuto alcun rotolo, ma sono venute alla luce tracce inequivocabili della presenza degli antichi testi, come una pergamena inserita in una brocca, trattata e pronta per essere scritta, un laccio in pelle per legare i rotoli, un panno che doveva servire a proteggerli, tendini e frammenti di pelle che dovevano far parte degli antichi documenti, o che li tenevano insieme. Accanto a questi reperti sono stati trovate pietre focaie, punte di freccia e decorazioni di corniola di epoca neolitica.

11 febbraio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us