Storia

L'impatto sulla dieta della vittoria normanna

La conquista normanna dell'Inghilterra nel 1066 cambiò la scena politica d'Europa, ma non la routine della gente comune (con una sola eccezione).

Nel 1066, con la Battaglia di Hastings si completò la conquista normanna dell'Inghilterra. Per l'aristocrazia inglese e per le élite al potere nell'Europa del Medioevo, l'ascesa al trono di Guglielmo il Conquistatore rappresentò un evento spartiacque. Ma per la popolazione comune le cose non cambiarono più di tanto, come dimostra uno studio che ha ricostruito un aspetto essenziale della vita quotidiana: l'alimentazione.

L'analisi pubblicata su PLOS ONE è di particolare interesse perché mostra un punto di vista diverso da quello riportato nelle cronache nobiliari dell'epoca: i due milioni di persone comuni che vissero in quel cruciale momento della storia non hanno infatti lasciato praticamente nulla di scritto per documentare le loro esperienze.

Nessuno scossone di rilievo. Un team di archeologi delle Università di Sheffield, Cardiff e Bristol ha ricostruito la loro versione dei fatti studiando le ossa e i denti di decine di persone vissute in quel periodo, nonché alcuni resti animali dell'epoca e le tracce di cibo trattenute dagli utensili da cucina. Questi vari tasselli hanno permesso di capire che cosa e quanto mangiassero le famiglie comuni negli anni dell'invasione normanna, quali fossero le loro condizioni di salute e le preferenze nella dieta.

Le analisi delle ossa di 36 persone vissute attorno a Oxford tra il 900 e il 1300 d.C., nei secoli a cavallo della conquista normanna, ha permesso di escludere gravi e prolungati eventi di malnutrizione: le lesioni ossee come quelle lasciate da scorbuto e rachitismo sono parse rare, e i livelli di proteine e carboidrati assunti sono rimasti costanti nel tempo. Questo significa che le persone comuni nell'Inghilterra del Medioevo non ebbero a che fare con crisi economiche su larga scala, abbandono obbligato delle terre e altri eventi traumatici tali da rendere difficile portare cibo sulla tavola, neanche dopo l'arrivo dei Normanni.

Più bacon, meno formaggi. Qualche periodo di incertezza alimentare si verificò durante la prima fase di transizione, stando all'analisi dettagliata dei denti di alcuni individui, ma fu rapidamente superato non appena raggiunta la stabilità politica. L'analisi isotopica delle ossa di una sessantina di animali ritrovati negli stessi siti, nonché degli acidi grassi rinvenuti sugli utensili da cucina ha svelato un altro particolare interessante: una prevalenza di carni di maiale e di pollo dopo la conquista normanna, una novità per la popolazione abituata a consumare carni di capra, montone e agnello oltre a cavolo e cereali.

Negli anni successivi alla conquista, i residui di maiale appaiono più di frequente sulle stoviglie; un riscontro sulle ossa di suino suggerisce che dopo il cambio di dirigenza la dieta di questi animali divenne più abbondante e ricca di proteine animali.

L'allevamento di maiali fu dunque intensificato, mentre diminuì il consumo di latte e derivati. Questa aggiunta alla dieta potrebbe aver contribuito a mantenere l'alimentazione ricca e costante anche in anni di instabilità politica.

10 luglio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us