Storia

31 marzo 1889: l'inaugurazione della Torre Eiffel

Il 31 marzo 1889 fu inaugurata la Torre Eiffel, il monumento più celebre di Parigi : la sua storia tra costruzione lampo e ascensori bloccati apposta.

Due anni, due mesi e cinque giorni: tanti ne bastarono per la costruzione di quello che sarebbe diventato uno dei monumenti più celebri e copiati al mondo. La Torre Eiffel, la più famosa costruzione di tutta la Francia, fu inaugurata a Parigi il 31 marzo 1889 e aperta ufficialmente il 6 maggio dello stesso anno, per l'avvio dell'Esposizione Universale del 1889 (nel centenario della Rivoluzione Francese).

grattacielo ante litteram. La sua costruzione fu una straordinaria impresa ingegneristica. La Torre Eiffel, alta all'epoca 312 metri (oggi ne misura 324, con le antenne televisive) rimase fino al 1930 l'edificio più alto del mondo, superato solo dalla costruzione del Chrysler Building a Manhattan (a sua volta battuto, nel 1931, dall'Empire State Building).

3 giugno 1902: un fulmine colpisce la cima della Tour Eiffel. Nelle torride giornate estive l'altezza della Torre risulta maggiore di diversi centimetri, a causa della dilatazione del metallo. © Wikimedia Commons

La mente. Il progetto di Gustave Eiffel, ingegnere francese specializzato nella costruzione di ponti metallici, che prima di allora aveva contribuito alla realizzazione dell'ossatura della Statua della Libertà, fu scelto tra altre 100 proposte presentate al governo francese in occasione dei lavori di preparazione per l'Expo.

critiche. La struttura in ferro, due volte più alta della Cupola di San Pietro a Roma, e più imponente della Piramide di Giza, destò non poche perplessità nell'ambiente culturale del tempo.

brutta. In molti la ritenevano esteticamente inferiore rispetto alle altre architetture parigine (alcuni la chiamano ancora oggi "l'asparago di ferro"), e nel 1909 rischiò la demolizione perché contestata dall'élite intellettuale di Parigi: del resto, doveva essere una costruzione transitoria e facilmente smantellabile.

antenna. Fortunatamente, la facilità di trasmissione radio raggiunta dalla sua sommità - insieme all'apprezzamento dei turisti e della maggior parte dei parigini - la salvarono dall'abbattimento. I giornali dell'epoca scrissero:

"La Torre Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti"

Operai al lavoro sulla struttura: uno scatto del 1889. © adoc-photos / adoc-photos

solida. Dal giorno della sua apertura, vi sono salite 250 milioni di persone. Eppure, inizialmente, il pubblico mostrò resistenza a salire, poiché la considerava poco sicura. Nonostante le precarie condizioni di sicurezza durante la fase di costruzione, solo uno dei 300 operai impiegati perse la vita, nel corso dell'installazione degli ascensori. 18.038 pezzi di ferro, e 2,5 milioni di bulloni (sostituiti in seguito da rivetti, ossia giunti meccanici, incandescenti).

L'ascensore della Torre Eiffel, con il suo manovratore, in una stampa del 1899.

struttura. La base della torre è costituita da quattro pilastri arcuati che vanno unendosi verso l'alto, interrotti da tre piattaforme con altrettanti belvedere per i turisti. I quattro archi semicircolari ai piedi della costruzione servono soltanto da elementi decorativi e non hanno una vera funzione strutturale.

salita. I due ascensori trasparenti, che salgono seguendo una traiettoria curva, sono divenuti una delle principali attrazioni turistiche. Furono disattivati quando Adolf Hitler visitò Parigi durante la Seconda Guerra Mondiale.

I parigini dissero che con il conflitto era divenuto impossibile ottenere i pezzi di ricambio, ma poco dopo la partenza del Führer furono rimessi in moto. Ma intanto Hitler aveva rinunciato a salire i 1665 scalini, ed era rimasto a terra.

31 marzo 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us