Storia

In Cina, le pesche arrivarono prima dell'uomo

Noccioli di oltre 2 milioni di anni fa sono stati ritrovati in scavi per un sito di costruzioni. Precedono di molto l'avvento dell'uomo, e dell'agricoltura.

Otto fossili di noccioli di pesca risalenti a 2,6 milioni di anni fa sono stati rinvenuti in un affioramento roccioso del tardo Pliocene, a Kunming, nella provincia cinese dello Yunnan. È quanto emerge da una ricerca pubblicata su Scientific Reports, che proverebbe che pesche selvatiche erano già presenti in Cina molto prima dell'avvento di Homo erectus e Homo sapiens.

Tali e quali. Gli endocarpi - il nome scientifico dei gusci - sono lunghi 3 cm e larghi 2, e simili in tutto e per tutto ai noccioli moderni: talmente antichi che i semi custoditi al loro interno sono stati sostituiti da ferro, e il loro involucro più esterno è ricristallizzato. Anche se non sono state rinvenute altre parti della pianta, l'antico frutto ha già un nome scientifico, Prunus kunmingensis.

I fossili di nocciolo di pesca scoperti nella roccia. © Tao Su

In autonomia. Lo studio conferma che varietà leggermente più piccole, ma altrettanto carnose di pesche selvatiche riuscirono ad evolversi per selezione naturale molto prima che l'uomo iniziasse a coltivarle (i primi fossili di pesche coltivate in Cina risalgono a 8000 anni fa).

Un aiuto. L'ipotesi è che i mammiferi ghiotti di frutta, primati inclusi, abbiano contribuito a disperdere le pesche selvatiche, giocando un ruolo importante nella loro diffusione. «Queste pesche furono testimoni della colonizzazione umana della Cina» dice Peter Wilf, coautore dello studio. «Erano lì prima di noi, e nel corso della storia ci siamo adattati ad esse, ed esse a noi».

7 dicembre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us