Storia

È in Siria il più antico memoriale di guerra al mondo?

Un tumulo risalente a 4.000 anni fa, scoperto in Siria negli anni '90, sarebbe un memoriale di guerra e non una fossa comune come ipotizzato finora.

Non una fossa comune dove venivano seppelliti i nemici, ma un memoriale per ricordare i caduti: uno studio pubblicato su Antiquity ridefinisce la funzione di Tell Banat North - soprannominato White Monument dai ricercatori per via del modo in cui la struttura brilla alla luce del sole -, un tumulo funerario scoperto negli anni '90 del secolo scorso a Tell Banat (nel nord della Siria), sostenendo che potrebbe trattarsi del più antico memoriale di guerra finora mai ritrovato, risalente al III millennio a.C.

Non è chiaro quando sia stato costruito l'imponente monumento, alto ben 22 metri: quello che si sa è che durante i secoli subì diverse modifiche, prendendo la sua forma definitiva tra il 2450 e il 2300 a.C.

onore ai defunti. Il Tell Banat North si distingue da altri monumenti simili sparsi per il Paese per l'organizzazione dei corpi e la composizione del tumulo stesso: la disposizione sistematica e attenta dei resti dei defunti, separati tra loro in modo da preservarne l'identità, fa pensare a un monumento costruito per onorare i propri soldati caduti in battaglia, piuttosto che a un modo per disfarsi dei corpi dei nemici sconfitti. «Non sappiamo se i resti umani appartengono ai vincitori o ai vinti», sottolinea Anne Porter, capo dello studio. «Quel che sappiamo è che, chiunque sia stato, ha portato qui i corpi da un altro luogo, forse anche molto dopo la morte, e li ha seppelliti assemblandone i resti in questo enorme tumulo, visibile da diversi chilometri di distanza».

Secondo i ricercatori il memoriale avrebbe contribuito, a seconda che i defunti fossero i vinti o i vincitori, a far crescere nella popolazione vicina un sentimento di opposizione e resistenza al nemico, o ad accettare il dominio di un nuovo regime. «Non sappiamo chi fosse il nemico che combattevano, ma è probabile che si trattasse di un conflitto tra poteri regionali, o un conflitto interno», conclude Porter.

14 giugno 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us