Storia

Il volto di una donna di 3700 anni fa

Ricostruito con tecniche forensi il volto di una giovane donna dell’Età del Bronzo. Il mistero del cranio e della sepoltura in una tomba scavata nella roccia.

Un gruppo di archeologi ed esperti forensi delle Highlands scozzesi ha ricostruito il volto di una giovane donna morta circa 3.700 anni fa, in piena Età del Bronzo. Chiamata Ava, abbreviazione di Achavanich, il sito megalitico dove sono state trovate le ossa, si pensa sia appartenuta alla Cultura Beaker, nota per la lavorazione dei metalli e della ceramica con uno stile molto particolare.

I resti di Ava sono stati rinvenuti nel 1987, quando un gruppo di ricercatori trovò il cranio e altre ossa in un pozzo scavato nella roccia, insieme a un bicchiere e altri manufatti. Secondo Maya Hoole, a capo della ricerca, il ritrovamento è molto particolare, perché i Beaker seppellivano i loro morti nel terreno, dove poi impilavano delle rocce dando origine a tumuli che vengono chiamati cairn. Spieha Hoole che «la stranezza sta nel fatto che per scavare la tomba direttamente nella roccia ci volle di sicuro molto tempo: è difficile che l’abbiano fatto dopo la morte della donna. Forse sapevano che stava lentamente morendo...»

Post mortem. La ricostruzione di Ava è stata realizzata da Hew Morrison, che ha superato non poche difficoltà, per esempio perché al cranio mancava la mandibola. Per definire le dimensioni delle labbra si è basato sul volume dei denti, e dalle labbra è poi risalito allo spessore dei tessuti facciali. Ava, quando morì, doveva avere un’età compresa tra i 18 e i 22 anni ed essere alta 1,67 metri, più o meno come una donna moderna.

Nulla si è potuto dire sulle cause della morte, ma c’è un elemento che ha colpito i ricercatori: la forma del cranio. È noto che molti Beaker soffrivano di brachicefalia, ossia avevano un cranio piuttosto piccolo e rotondo, ma quello di Ava esce da ogni canone, con la parte superiore e posteriore completamente piatte, tant’è che si pensa che sia stato deliberatamente modificato post mortem da chi la seppellì. Ma perché lo fecero, se lo fecero, è un mistero: forse si tratta di una pratica inusuale tra i Beaker, ancora da decifrare.

4 agosto 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us