Storia

Il registro della Piramide di Cheope

Il diario di una fase finale della costruzione del monumento stilato 4.500 anni fa è ora in mostra al Museo Egizio del Cairo: il papiro è uno dei più antichi mai ritrovati.

Le imprese faraoniche richiedono una perfetta organizzazione, e interi quaderni di appunti. Ora uno di questi "block notes", l'antico registro del cantiere della Grande Piramide di Cheope, è stato esposto al pubblico nel Museo Egizio del Cairo. Il documento, un papiro di 4.500 anni fa - tra i più antichi mai rinvenuti in Egitto - è stato trovato nel porto di Wadi al-Jarfin, sul Mar Rosso, nel 2013, e descritto in un articolo l'anno successivo.

Coordinamento. Per Pierre Tallet e Gregory Marouard, gli archeologi a capo del team franco-egiziano autore del ritrovamento, pensano che copra un periodo di diversi mesi. Una tabella giornaliera impostata su due colonne, e compilata in fitti geroglifici, illustra le operazioni di estrazione alla cava di calcare sulla sponda opposta del Nilo. A compilare il "diario" fu un certo Merer, ispettore a capo di una squadra di 200 uomini.

Uno dei papiri che compongono il registro delle attività del cantiere: i reperti sono in mostra al Museo Egizio del Cairo. © Egyptian Ministry of Antiquities

L'ultimo sforzo. L'uomo scrisse di aver compilato il diario nel ventisettesimo anno del regno di Cheope (il faraone incoronato nel 2605 a.C.), quando la piramide era quasi ultimata e mancava soltanto il rivestimento esterno in pannelli calcarei (oggi quasi del tutto scomparso).

Il materiale per questo involucro, racconta il papiro, veniva estratto alla cava di Tura, vicino al Cairo, e trasportato alla piana di Giza attraverso un sistema di canali sul Nilo, con viaggi che richiedevano anche quattro giorni. In quella fase, rivela il diario, i lavori erano presieduti dal visir Ankhaf, fratellastro di Cheope.

20 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us