Storia

Il nuovo albero di famiglia dei Boscimani

Gli scienziati ridatano le pitture rupestri di uKhahlamba-Drakensberg in Sud Africa, riscrivendo l'albero di famiglia dei Boscimani.

Il nuovo albero di famiglia dei Boscimani
Gli scienziati ridatano le pitture rupestri di uKhahlamba-Drakensberg in Sud Africa, riscrivendo l'albero di famiglia dei Boscimani.

I dipinti sono realizzati soprattutto con pigmenti neri, bianchi, rossi e arancione.
I dipinti sono realizzati soprattutto con pigmenti neri, bianchi, rossi e arancione.

Risalgono a più di 3000 anni fa le pitture rupestri di uKhahlamba-Drakensberg in Sud Africa, uno dei più originali siti riconosciuti dall'Unesco come patrimonio dell'Umanità.
Dipinte dai Boscimani, antico popolo nomade di cacciatori-raccoglitori, si riteneva che le 40 mila figure presenti sulle pareti e nelle grotte dei Monti del Drago fossero relativamente recenti e che non avessero più di 1000 anni. Ora un team di archeologi inglesi e australian, grazie a sofisticati metodi di datazione al radiocarbonio, sono stati in grado di retrodatare i ritrovamentie capire e conoscere meglio questa antica cultura africana.
Scene di caccia, animali, simboli, figure umane dipinti con pigmenti rossi, gialli, bianchi, arancione rappresentano la vita spirituale dei Boscimani. Queste genti, chiamate anche San, sono il popolo più antico dell'Africa meridionale. Già tra i 20 e i 30 mila anni fa i loro progenitori vivevano nelle boscaglie e nelle pianure del vasto continente sviluppando nei millenni una cultura fatta di canti, musiche, arte parietale, di caccia, commercio di pelli di antilope e uova di struzzo nel rispetto della natura.
Piccoli di statura e dalla carnagione più chiara rispetto ad altre etnie africane i San sono ormai ridotti a pochissimi gruppi. Infatti, prima le lotte per lo sfruttamento del territorio ingaggiate con gli Zulu e, poi, l'arrivo nel XVII secolo dei colonizzatori bianchi, hanno portato i Boscimani alla quasi totale scomparsa.

(Notizia aggiornata al 13 febbraio 2004)

13 febbraio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us