Storia

Il formaggio più antico del mondo ha 3600 anni (parola di mummia)

L'alimento ottenuto senza caglio è stato rinvenuto sul corpo di mummie cinesi risalenti all'Età del Bronzo, sepolte "sottovuoto" in un deserto salato. Doveva servire da spuntino per il viaggio nell'aldilà.

3600 mila anni di stagionatura potrebbero essere troppi anche per gli amanti dei formaggi "invecchiati". Pezzi di formaggio - il più antico di cui si abbiano evidenze archeologiche - sono stati rinvenuti appesi al collo o sul petto di alcune mummie sepolte nel Deserto di Taklamakan, nella Cina nordoccidentale.

Anche se la scoperta dei corpi, perfettamente conservati, risale agli anni '30 del 1900, le analisi chimiche dell'alimento sono state effettuate solo di recente, come rivela la ricerca pubblicata sul Journal of Archaeological Science.

Meglio del frigo
Gli studi effettuati nei laboratori del Max Planck Institute of Molecular Cell Biology and Genetics (Germania) hanno individuato grassi e proteine che lasciano pochi dubbi: la sostanza giallognola trovata sulle mummie è proprio formaggio - e non latte, o burro - affidato ai defunti forse come viatico per l'ultimo viaggio nell'oltretomba.

Come ha fatto a resistere così a lungo? Grazie al clima secco del deserto e alla strettissima fasciatura delle mummie, avvolte in bare sigillate da pelli di mucca e sepolte in un terreno salato: in pratica, una sorta di "sottovuoto".

Ritrovamenti curiosi
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Longevo e digeribile
Attrezzi caseari risalenti a 7 mila anni fa erano già stati rinvenuti in Polonia, ma finora nessun antico formaggio era riuscito a conservarsi così a lungo. Quello cinese, per di più, è stato probabilmente ottenuto senza usare caglio, combinando il latte con un mix di lieviti e batteri in modo analogo al metodo utilizzato ancora oggi per fare il kefir, la bevanda a base di latte fermentato diffusa nel Caucaso.

Una scoperta, quest'ultima, tutt'altro che scontata. Alcune teorie volevano infatti che i primi formaggi fossero stati ottenuti per caso, trasportando il latte in bisacce ricavate da stomaci animali (da cui si estrae il caglio). Quello del formaggio del Taklamakan è, al contrario, un metodo di fermentazione naturale e "vegetariano", semplice ed economico (non richiedeva l'uccisione di un animale). E il prodotto finale doveva essere assai digeribile: proprio in virtù dell'elevata fermentazione, risulta povero di lattosio.

Ti potrebbero interessare anche:

I formaggi più antichi del mondo (compresa la mozzarella di 7500 anni fa)
Da dove viene il termine "caciocavallo"? E "stracchino"?
Dalla crosta del formaggio una superficie a prova di batteri
Formaggini ricavati da latte materno: la foto

4 marzo 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us