Storia

Il DNA rivela la prima guerriera vichinga di alto rango

Analisi genetiche hanno svelato il sesso di uno scheletro del X secolo, sepolto insieme a un corredo di armi, ai cavalli e agli strumenti per mostrare le attiche di attacco. E, sorpresa...

Un guerriero che operava ai posti di comando, tumulato insieme a una spada, un'ascia, una lancia, le frecce, due scudi, un coltello e due cavalli: lo scheletro della metà del decimo secolo ancora in assetto da battaglia fu rinvenuto, attorno al 1880, in una tomba della città svedese di Birka.

Per 130 anni si è quasi dato per scontato che Bj 581, questo il nome del reperto, fosse l'archetipo del guerriero vichingo, nonostante alcune caratteristiche delle ossa sembrassero indicarne il genere femminile. Ora, un'attenta analisi genetica delle Università di Uppsala e Stoccolma (Svezia) rivela che lo scheletro aveva due cromosomi X, e nessuna Y: la prima guerriera vichinga di alto grado mai identificata.

Ricostruzione dell'interno della tomba. © Uppsala University

stratega. Fonti letterarie e rilievi archeologici avevano già suggerito in passato la presenza di donne negli eserciti dei popoli del Nord, ma questa è la prima testimonianza di una donna comandante. Insieme allo scheletro sono venuti alla luce infatti, anche una tavoletta e alcune pedine, che dovevano servire a elaborare e mostrare le tattiche di guerra, «la prova che doveva trattarsi di un ufficiale, qualcuno abituato a elaborare strategie e guidare le truppe in battaglia. Non una Valchiria delle saghe, ma un leader militare in carne e ossa, oltretutto donna» spiega Charlotte Hedenstierna-Jonson, a capo dello studio.

La testimonianza archeologica conferma il grado di emancipazione delle donne vichinghe, abili amministratrici di case e fattorie in assenza dei mariti e - ora lo sappiamo - valenti condottiere.

11 settembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us