Storia

Il cervello dei Neanderthal cresceva più lentamente del nostro

Lo rivelano le analisi di un cranio di bambino: il suo cervello si stava ancora formando a un'età in cui quello sapiens sarebbe già maturo. La scoperta conferma che il nostro "cugino" non era più primitivo o meno sofisticato di noi.

A differenza di altri primati e di specie di ominidi primitive, l'Homo sapiens impiega diversi anni a completare lo sviluppo cerebrale: la nostra infanzia è particolarmente prolungata, perché servono diversi anni a far crescere un cervello così grande e complesso.

Ora uno studio pubblicato su Science rivela che i Neanderthal avevano uno sviluppo cerebrale ancora più lento del nostro: diversamente da quanto sostenuto in studi passati, l'uomo moderno non sarebbe la specie a più lenta crescita di materia grigia mai esistita. C'era chi impiegava più di noi - un'ulteriore prova del fatto che i Neanderthal non erano più primitivi, o meno intelligenti dei sapiens.

in piena crescita. La scoperta deriva dall'analisi di uno scheletro eccezionalmente ben conservato di un bambino Neanderthal vissuto 49 mila anni fa a El Sidrón, in Spagna. La dentatura un po' adulta e un po' da latte ha permesso di stimarne l'età a 7 anni e mezzo.

Lo scheletro del bambino di El Sidrón. I passati ritrovamenti avevano portato a pensare che il cervello Neanderthal crescesse più velocemente del nostro. Ma mai prima d'ora era stato analizzato uno scheletro così completo e di età precisamente ipotizzabile. Il nuovo studio pare dunque più attendibile. © Joan Costa

Ancora indietro. Ebbene il suo cervello aveva dimensioni pari all'87,5% di quelle di un Neanderthal adulto; un bambino moderno della stessa età ha un cervello di dimensioni pari al 95% di quello di un adulto. Inoltre, alcune ossa della sua colonna vertebrale non risultavano ancora fuse, un processo che nei sapiens viene ultimato attorno ai 6 anni.

Le osservazioni sembrano assottigliare ancor di più le differenze tra la nostra specie e quella dei Neanderthal. Può darsi che il loro cervello fosse ancora più avanzato del nostro (e quindi maturasse più lentamente) o che, più prosaicamente, che essendo più robusti e con un corpo più grande, il loro cervello impiegasse più tempo a crescere per dare il tempo al corpo di completare lo sviluppo.

24 settembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us