Il '900 e gli italiani: fotocronaca di un secolo

100 anni di vita degli Italiani raccontati da Focus Storia in un numero speciale da collezione. Eccone un piccolo assaggio.

2858114_focol011_cover00119001900_219101910_219201920_219301930_219401940_219501950_219601960_219701980Approfondimenti
2858114_focol011_cover001

Le foto di questa gallery sono tratte da Novecento in Italia - Fotostoria di un secolo, lo speciale di Focus Storia (in edicola dall’11 dicembre a € 7,90) che racconta il ’900 del nostro Paese attraverso scatti di grandi maestri e di lettori (che ci hanno inviato foto di genitori, nonni e bisnonni). Un numero da collezione di cui questa gallery è soltanto un assaggio.

1900

ANNI ZERO
Il Novecento in Italia si inaugura con un assassinio: il 29 luglio 1900 viene ucciso re Umberto I. Ma molti leggono l’evento come la chiusura di un’epoca, la tragica conclusione dell’800. Era chiara a tutti la difficoltà del “re buono” , come veniva chiamato, di gestire un Paese che si stava trasformando in una società moderna. E che voleva spiccare il volo.< br>
Turismo d’altri tempi. Lorenzo Leddi (primo uomo a destra) accompagna i turisti in gita sul Monte Giarolo in provincia di Alessandria: sono i primi anni del '900. La foto arriva da Valeria Casini.

1900_2

Spericolato. Paolo Natali ha inviato questa foto del padre dall’impegnativo nome di Eleocandio. Era nato nel 1901 a Fabriano (An).

1910

ANNI DIECI
A contrassegnare per sempre questo decennio è la Grande guerra, un massacro senza precedenti che segna la fine di un’epoca ridisegnando gli equilibri mondiali. E l’Italia? Si barcamena per un po’ tra neutralità e interventismo, entra poi in guerra e la vince anche se finisce per pagare un grosso tributo in termini di vite umane (650mila morti) sentendosi anche vittima di un’ingiusta spartizione territoriale. Quel che è certo è che gli italiani escono dal conflitto entendosi più “italiani” di prima.

Visite. 1916, due bersaglieri con una bambina. La foto è arrivata dal collezionista Sonny Valdinoci.

1910_2

Licenze. «Mio nonno, al centro con il fiasco di vino, sta dicendo ai commilitoni, in napoletano: “Bevit’ fetienti!”. Era carabiniere, un “cappellone”» scrive Bernardino Macrì.

1920

ANNI VENTI
Se si può dare una data di inizio del Ventennio fascista questa è il giorno successivo alla marcia su Roma, il 28 ottobre 1922. Mussolini ottiene con questo atto di forza pieni poteri: il fascismo diventa dominante nella vita politica (e non solo) dell’Italia di allora. Si sta spianando la strada alla dittatura.

Azienda di famiglia. «Nella foto si vedono gli operai della falegnameria di mio bisnonno Angelo (secondo da sinistra) e mio nonno Dario (il bimbo seduto a terra): è stata scattata a Rastiglione (Vc) in Valsesia». Lo racconta il nipote, Davide Bagarotti.

1920_2

Alla fonte. Arcangelo Andreatta, immortalato da bambino a Migazzone (Tn). Il figlio Mauro ha ritrovato la foto che risale alla metà degli Anni ’20.

1930

ANNI TRENTA
Nazionalismo, sostegno all’economia e propaganda fanno raggiungere al fascismo consensi altissimi. Si consolida l’immagine di Mussolini come difensore dell’unità nazionale e padre della patria.

In fila. Una processione verso il sagrato della chiesa parrocchiale di Curno (Bg). «La foto mi è sembrata interessante perché inquadra anche una scritta fascista sul muro della casa che appartiene alla mia famiglia», dice Annamaria Rota che ce l’ha inviata.

1930_2

Tanti saluti. Folla per una nave in partenza al porto di Genova nei primi Anni ’30. La foto fu scattata dal padre di Simonetta Demuro.

1940

ANNI QUARANTA
10 giugno 1940: l’Italia entra nella Seconda guerra mondiale a fianco della Germania di Hitler. Dopo una fase di successi militari tedeschi e di meno eclatanti operazioni belliche nostrane, il corso del conflitto cambia direzione, fino alla disfatta. Poi verranno lo sbarco degli Alleati, il popolo che festeggia la caduta del duce, una guerra di liberazione. Da quel decennio gli italiani escono facendo i primi passi verso la democrazia.

Carrozzone. 1947. Fedeli di Nago (Tn) al ritorno da un pellegrinaggio al santuario della Madonna della Corona, nel veronese. «L’affidabilità del mezzo era minima, sulle salite più ripide i più giovani dovevano scendere. Ma la cosa importante era passare un giorno diverso, dopo i lutti e le miserie della guerra», racconta Giovanni Berti che ha mandato lo scatto.

1940_2

In libertà. Tre ragazze posano appoggiate a un passaggio a livello a Chiampo (Vi) nell’aprile del 1945. Erano i giorni della liberazione dall’occupazione nazista e dal regime fascista. La foto è di Luigi Agudio di Lentate sul Seveso (Mb).

1950

ANNI CINQUANTA
Nel Dopoguerra l’Italia vive un’epoca di ottimismo e boom economico. Si registrano tassi di crescita sopra il 6-7%: è il miracolo italiano. Ma la trasformazione è anche culturale: in questi anni gli italiani passano da una società rurale al nuovo mondo dei consumi.

Tutte sotto il casco. La mamma della nostra lettrice Barbara Forti, di Cesena, al lavoro nel suo negozio di parrucchiera nel 1953.

1950_2

Ultimo saluto. Napoli, 17 ottobre 1952: si svolge così il corteo funebre di Francesca Montefusco. La foto è stata mandata dal nipote Eugenio Mingo.

1960

ANNI SESSANTA
Nasce la contestazione giovanile. In Italia nel 1966 inizia l’occupazione studentesca, preludio ai fatti del Sessantotto. In questa stagione “calda” anche il clima si ribella: è l’alluvione di Firenze.

Regali. «Era usanza che la cittadinanza consegnasse dei doni ai vigili nel giorno della Befana, come ringraziamento. Era detta la “Befana del vigile”». Questa foto, scattata a Rho (Mi) nel 1960, ritrae un rituale in voga dagli Anni ’50: è stata mandata da Paolo Marazzi. Il vigile a sinistra è suo padre Dante.

1960_2

Just married. Novelli sposi nel 1963 a Riva di Suzzara (Mn). La foto è stata mandata da Beatrice Viani.

1970

ANNI 70-2000
Nell’ultimo trentennio del XX secolo l’Italia cambia volto: dal tormentato decennio degli Anni ’70 al nuovo miracolo economico degli ’80 che ha trasformato il nostro Paese in una delle principali potenze mondiali, terra promessa di una immigrazione costante.

Itinerario classico. Giovani sposi in viaggio di nozze a Venezia in Piazza San Marco nel 1970.

1980

Che naja! Servizio militare ad Aviano nel 1986. La leva obbligatoria è stata sospesa nel 2005: l’ultima classe a essere chiamata è stata quella dei nati nel 1985.

Le foto di questa gallery sono tratte da Novecento in Italia - Fotostoria di un secolo, lo speciale di Focus Storia (in edicola dall’11 dicembre a € 7,90) che racconta il ’900 del nostro Paese attraverso scatti di grandi maestri e di lettori (che ci hanno inviato foto di genitori, nonni e bisnonni). Un numero da collezione di cui questa gallery è soltanto un assaggio.