Cultura

I Vichinghi usavo le pietre come bussole

Ai patiti del navigatore satellitare non verrebbe mai in mente di usare dei cristalli per orientarsi. Eppure è proprio così che i Vichinghi solcavano i mari, utilizzando la "nonna" di bussola e compasso magnetico. Recentemente, alcuni ricercatori ungheresi hanno scoperto l’esistenza di alcune “pietre solari”, utilizzate per poter navigare in sicurezza anche quando il sole era oscurato dalla nebbia o dalle nuvole. Sono particolari prismi di Cordierite, una roccia magnetica che sfrutta la polarizzazione della luce naturale e cambia colore a seconda dell’inclinazione del sole. I marinai nordici la usavano per guardare il cielo, comesi fa di solito con i vetrini che servono a osservare le eclissi solari. Dalla rifrazione e dal colore della pietra, erano così in grado di ricavare la posizione del sole e, quindi, i punti cardinali.
La scoperta pone fine a una diatriba durata decenni: sebbene l’utilizzo delle pietre solari fosse un’ipotesi di qualche decennio fa, non erano mai stati ritrovati reperti e le uniche testimonianze rimanevano le saghe epiche e alcuni diari di bordo.
Potrebbe così essere svelato uno dei misteri più oscuri sugli uomini del nord, che a cavallo dell’anno Mille sono riusciti ad esplorare buona parte del Mar Artico e dell’Oceano Atlantico.

Nella foto: due piccole imbarcazioni vichinghe ritrovate in Norvegia

12 febbraio 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

ABBONATI A 29,90€
Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
ABBONATI A 29,90€

Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

 

 

ABBONATI A 14,90€
Follow us