Speciale
Domande e Risposte
Storia

Perché i Romani andavano matti per le gare equestri?

I giochi preferiti dagli antichi romani erano le gare equestri, che per cavalli e aurighi non erano meno pericolose dei giochi dei gladiatori.

Per il divertimento degli antichi romani, l'importante era che sull'arena dei circhi o degli anfiteatri scorresse tanto sangue. Ecco perché le gare di corsa dei carri con gli aurighi che si sfidavano nei circhi su cocchi con due, tre, quattro, sei, otto e anche dieci cavalli, erano lo spettacolo preferito degli abitanti dell'Urbe. Infatti, si arrivò a indire ludi circenses per almeno 60 giorni l'anno, più quelli organizzati per eventi straordinari, come i trionfi militari.

 

Focus Storia 162
Leggi Focus Storia in edicola e in digitale. © Focus

«Sono stati i film di Hollywood a farci pensare che i combattimenti dei gladiatori fossero il divertimento più amato dai Romani», spiega Patrizia Arena, docente di Archeologia, Memoria storica, Valorizzazione dei Beni culturali all'Università Europea di Roma e autrice del libro Gladiatori, carri e navi. Gli spettacoli nell'antica Roma (Carocci).

 

Sangue e arena. Tra l'altro, le gare di corsa non erano meno pericolose dei giochi gladiatori, sia per gli aurighi sia per i cavalli, data l'estrema velocità con cui si svolgevano: i sette giri della gigantesca pista del Circo Massimo, per esempio, si compivano in media in 12 minuti e 48 secondi, e le curve erano i punti cruciali, perché tutti i concorrenti cercavano di farle strettissime.

 

I carri potevano ribaltarsi o scontrarsi e, in caso di incidente, gli aurighi rischiavano di essere travolti e uccisi. Quindi anche qui il brivido non mancava, per il piacere di un pubblico dal palato forte che si entusiasmava allo scorrere del sangue. 

 

Per saperne di più, leggete su Focus Storia 162 l'articolo integrale di Irene Merli.

 

2 aprile 2020 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us