Storia

I primi fuochi

Ritrovate da gruppo di archeologi in Israele le più antiche tracce di fuoco utilizzato dai nostri antenati. Risalirebbero a circa 800 mila anni fa.

I primi fuochi
Ritrovate da gruppo di archeologi in Israele le più antiche tracce di fuoco utilizzato dai nostri antenati. Risalirebbero a circa 800 mila anni fa.

Carbonizzato. Il fuoco avrebbe lasciato i piccoli buchi (evidenziati dalla freccia) in questo seme bruciato proveniente dal sito archeologico di Gesher Benot Ya'aqov. Foto: © N. Goren-Inbar/Science
Carbonizzato. Il fuoco avrebbe lasciato i piccoli buchi (evidenziati dalla freccia) in questo seme bruciato proveniente dal sito archeologico di Gesher Benot Ya'aqov. Foto: © N. Goren-Inbar/Science

Se volete accendere un dibattito tra archeologi, fate una semplice domanda. Quando l'uomo ha imparato a domare il fuoco? Poi allontanatevi, per non rimanere scottati da troppe scintille.
A gettare acqua sul fuoco, però, è arrivato un nuovo studio pubblicato su Science: il più antico "falò" controllato e utilizzato a proprio vantaggio dall'uomo risalirebbe a quasi 790.000 anni fa. La datazione è stata realizzata grazie all'analisi di alcuni resti di semi, legno e pietre ritrovati a Gesher Benot Ya'aqov in Israele in uno dei più interessanti siti archeologici del mondo perché si troverebbe in uno dei più antichi punti di passaggio tra Africa e Asia.
Lavoro certosino. Gli studiosi dell'università di Gerusalemme e di Ramat-Gan hanno analizzato oltre 50 mila legnetti e 36 mila schegge di selce, individuando due punti dove venivano accesi regolarmente dei fuochi. Secondo i ricercatori si tratterebbe del rifugio di un Homo erectus sulla riva di quello che una volta era un lago. Come legna da ardere sarebbero state utilizzate le piante dell'olivo, dell'orzo selvatico e dell'uva selvatica.
Polemica accesa. Che l'uomo avesse imparato a domare il fuoco in età molto antica era già cosa nota, ma fino ad ora si erano riuscite a trovare prove così certe. Il più antico e controverso ritrovamento proveniva da Koobi Fora in Kenya e risaliva a 1,6 milioni di anni fa, ma non aveva affatto convinto gli esperti.
Sempre a proposito di antichi fuochi, pare siano stati individuati anche i resti del più antico incendio naturale sviluppatosi sulla Terra: in Galles sono stati individuati i resti fossili di piante che probabilmente sono ciò che rimane di un incendio sviluppatosi tra i 443 e i 417 milioni di anni fa, in pieno periodo siluriano, periodo in cui le piante terrestri avevano appena iniziato il loro sviluppo.

(Notizia aggiornata al 30 aprile 2004)

30 aprile 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us