Storia

I Neanderthal fabbricavano davvero gioielli

La conferma da una nuova tecnica di analisi di reperti finora di incerta attribuzione: gli ominidi potrebbero averli ideati di testa propria oppure imitati dai sapiens.

Sulle capacità di pensiero simbolico dei Neanderthal si dibatte da decenni: davvero questi nostri "cugini" erano capaci di esprimersi in forme d'arte? Sì, secondo un articolo appena pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, che attribuisce a questi ominidi la partenità di alcuni antichi manufatti.

Un tesoro di "bigiotteria". Tra il 1949 e il 1963 nella Grotte du Renne ad Arcy-sur-Cure, nella Francia centrale, furono riportati alla luce alcune perline ricavate da denti animali, conchiglie e avorio, insieme a utensili in osso finemente lavorati.

Difficile attribuzione. Una prima datazione fece risalire i reperti a circa 40 mila anni fa, l'epoca di transizione e contatto tra Neanderthal e sapiens in Europa. La stratificazione degli oggetti suggeriva fossero di fattura Neanderthal, un'ipotesi che lasciava scettici molti studiosi e che, per le ridotte quantità di DNA nei reperti, non poteva essere suffragata.

Vicini alla soluzione. Gli scienziati dell'Università di York (Inghilterra) sono allora ricorsi a un nuovo metodo di analisi degli strumenti d'osso basato sulle proteine presenti nei reperti. Hanno così concluso che si trattava di ossa umane e non animali; e che queste ossa erano appartenute a un bambino Neanderthal ancora allattato al seno, vissuto nella stessa epoca di datazione dei gioielli.

La spiegazione più semplice è, quindi, che siano stati proprio i Neanderthal a creare i manufatti. Anche se nulla esclude che possano averli ideati copiando i movimenti dei sapiens, o imitando doni da essi ricevuti.

19 settembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us