Storia

I fuochi dei Sapiens e la scomparsa degli Hobbit

I resti di falò accesi dall'uomo moderno in Indonesia 41.000 anni fa fanno luce sulla scomparsa dell'Homo floresiensis dall'isola di Flores.

L'Homo sapiens usava il fuoco a Liang Bua, sull'isola di Flores, in Indonesia, già 41 mila anni fa. La scoperta, una delle più antiche prove della presenza dell'uomo moderno nel Sudest asiatico, sta aiutando a restringere la finestra temporale tra la scomparsa degli ultimi "Hobbit" (Homo floresiensis) e la comparsa in Indonesia dei primi Sapiens.

Il lungo silenzio. Le ultime stime sull'età degli scheletri di Hobbit a Flores, pubblicate su Nature lo scorso marzo, datavano la presenza di questa specie in Indonesia tra i 190 mila e i 60 mila anni fa (e non fino a 12 mila anni fa, come ipotizzato in precedenza). I più recenti utensili in pietra dell'isola risalivano a 50 mila anni fa: rimaneva perciò da capire che cosa fosse accaduto più di recente sull'isola, fino a 20 mila anni fa.

Il sedimento di Liang Bua che attesta l'uso del fuoco all'interno di una grotta. © Paul Jones | University of Wollongong

Tracce di noi. Così gli archeologi delle università di Wollongong (Australia) e del National Research Centre for Archaeology indonesiano hanno analizzato i sedimenti di una grotta del sito di Liang Bua, in un luogo diverso da dove, nel 2003, erano stati trovati i resti di Homo floresiensis.

Hanno così scoperto tracce di falò accesi probabilmente dai Sapiens tra 41 e 24 mila anni fa, per scaldarsi o cucinare, mentre in 130 mila anni di storia nota degli Hobbit non sono mai state trovate prove di uso del fuoco.

Più precisi. «Sappiamo ora che gli Hobbit sopravvissero soltanto fino a 50 mila anni fa a Liang Bua, e che l'uomo moderno arrivò nel Sudest asiatico e in Australia almeno 50 mila anni fa, e probabilmente anche un po' prima», afferma Mike Morley, uno degli autori della ricerca. Si sta ora indagando su eventuali periodi di sovrapposizione tra le due popolazioni.

1 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us