Focus

Humans of New York (di altri tempi)

Ambulanti, lustrascarpe, venditori di cozze. E ancora pompieri, netturbini, arrotini... storie che si intrecciano per le strade della Grande Mela di oltre un secolo fa, in una suggestiva raccolta di foto. Avete foto di nonni o bisnonni impegnati in mestieri dimenticati o in mestieri compiuti per strada? Postatecele su Twitter o Facebook, speditele all'indirizzo redazione (AT) focus.it: stiamo lavorando alla "versione italiana".

Adulti o bambini, locali o stranieri, poveri o più benestanti... ma tutti con le maniche rimboccate. La vita a New York brulicava di volti e mestieri già più di un secolo fa. Tra lavori alla giornata e più stabili incarichi pubblici si sperimentava l'integrazione, attraverso occupazioni diverse e connotate dal sapore dei paesi di origine. Sulla scorta del successo di Humans of New York, il photoblog che raccoglie storie e interviste dalla città che non dorme mai, ecco una carrellata di antichi incontri che si potevano fare a Brooklyn, Manhattan e dintorni a cavallo tra '800 e '900.

Nello scatto, una sosta da un venditore ambulante di cozze di origine italiana nel quartiere di Mulberry Bend.

Pompieri durante un'esercitazione con pompe idrauliche ad alta pressione, 1900-1910.

Un venditore siro-libanese serve sherbet, una bevanda ottenuta da succhi di frutta, erbe ed estratti di fiori. La vendita di cibi e bevande da strada fu una delle prime occupazioni riservate ai migranti provenienti dalle terre dell'Impero Ottomano.

Molti dei lavoratori della New York di inizio secolo erano bambini. Nella foto, due piccole ambulanti di un carretto del ghiaccio.

Un giovanissimo lustrascarpe al lavoro in quella che è forse la postazione del padre, tra la 3rd Avenue e la 9th Street.

Di nuovo volti e cibi che sembrano tipici dello Stivale: una bancarella fotografata durante una fiera di prodotti italiani, nel 1908.

Una batteria di "newspaper boys", piccoli venditori di giornali, pronti a spargersi per le strade.

Questa foto e le successive sono particolarmente significative per la mano che le ha realizzate: quella di Alice Austen, una intraprendente donna-fotografo che nel 1896 ebbe l'idea, inusuale per l'epoca, di documentare le varie professioni in voga nella sua New York. Dopo aver ricevuto una macchina fotografica in dono da uno zio di orgini danesi, Alice si specializzò in scatti della sua famiglia e di eventi borghesi. La scelta di immortalare la vita da strada fu coraggiosa e originale: gli scatti che state per vedere appartengono alla Library of Congress americana.
Qui, uno spazzino al lavoro.

Una coppia di suonatori di organetto, un'antica versione di fisarmonica diffusa nella tradizione popolare di molti paesi.

La versione antica del corriere espresso: un corriere (o messaggero) in bicicletta. Il mestiere si diffuse a partire dalla nascita del velocipede, intorno al 1860. Un video che racconta la storia della bicicletta

L'antenato dei "cab", i celebri taxi gialli newyorkesi...

... e uno dei necessari mestieri collaterali.

Un poliziotto in uniforme: dal profilo si intuisce una migliore condizione economica.

Migranti in attesa di giorni migliori.

Venditori di pretzel, uno dei cibi da strada di provenienza straniera più apprezzati ancora oggi nelle vie di Manhattan.

Un venditore ambulante di spugne.

Uno spalaneve, armato di piccone.

Venditore di stringhe, in tempi in cui le scarpe erano beni di lusso che si cambiavano di rado.

Una figura cara anche alla tradizione italiana: quella dell'arrotino.

Un netturbino con gli attrezzi del mestiere.

La pausa dal lavoro di due straccivendoli con i carri colmi.

Un altro spalaneve in uniforme bianca.

Non poteva mancare un postino.

Adulti o bambini, locali o stranieri, poveri o più benestanti... ma tutti con le maniche rimboccate. La vita a New York brulicava di volti e mestieri già più di un secolo fa. Tra lavori alla giornata e più stabili incarichi pubblici si sperimentava l'integrazione, attraverso occupazioni diverse e connotate dal sapore dei paesi di origine. Sulla scorta del successo di Humans of New York, il photoblog che raccoglie storie e interviste dalla città che non dorme mai, ecco una carrellata di antichi incontri che si potevano fare a Brooklyn, Manhattan e dintorni a cavallo tra '800 e '900.

Nello scatto, una sosta da un venditore ambulante di cozze di origine italiana nel quartiere di Mulberry Bend.