Storia

7 dicembre 1970, il golpe Borghese: ecco perché fallì il colpo di Stato dell'estrema destra

La notte del 7 dicembre 1970, la democrazia italiana rischiò di cadere per un tentativo eversivo dell'ultra destra. Ecco perché il golpe militare, organizzato dal principe Junio Valerio Borghese, non riuscì.

Nonostante i militari fossero già schierati davanti ai ministeri chiave e alla sede della Rai, l'ordine del principe Junio Valerio Borghese di portare a termine il golpe non arrivò mai: vediamo perché attraverso l'articolo "La congiura del principe" di Riccardo Michelucci, tratto dagli archivi di Focus Storia.

Un golpe ben architettato. Il 7 dicembre 1970, in una notte flagellata dalla pioggia inizia l'operazione "Tora Tora". Niente a che vedere con l'attacco giapponese a Pearl Harbor, è solo una fonte di ispirazione per il nome. Siamo a Roma, e Tora Tora è un tentativo di colpo di Stato. A dirigerlo, il principe Junio Valerio Borghese (1906-1974), dalle stanze della sede romana del Fronte Nazionale, il movimento politico di estrema destra che lui stesso ha fondato due anni prima. Il complotto è stato pianificato nei minimi dettagli per dare l'assalto ai centri nevralgici del Paese.

I bersagli principali sono il ministero della Difesa, il ministero dell'Interno, la Rai, le centrali telefoniche e quelle telegrafiche. Obiettivo: scatenare il caos nel Paese colpendo il cuore dello Stato; il piano prevede infatti anche il rapimento del presidente della Repubblica Giuseppe Saragat e l'assassinio del capo della Polizia Angelo Vicari.

Chi sono i PROTAGONISTI? Tra i congiurati ci sono figure affiliate ai movimenti neofascisti e membri di spicco dell'Esercito e del Corpo forestale. Il comando operativo è in un cantiere edile del quartiere di Montesacro, ma un altro gruppo aspetta ordini nella palestra dell'Associazione paracadutisti al comando dell'ex tenente Sandro Saccucci. Un commando si introduce nell'armeria del Viminale impossessandosi di armi e mitragliatrici.

Nel frattempo il generale dell'Aeronautica Giuseppe Casero e il colonnello Giuseppe Lo Vecchio hanno preso posizione al ministero della Difesa e una colonna di automezzi con a bordo 200 forestali armati è arrivata vicino al centro di produzione Rai di via Teulada. Anni dopo si verrà a sapere che per assassinare Saragat e Vicari erano arrivati apposta dalla Sicilia killer di Cosa Nostra.

Le ragioni del golpe. Borghese ha già pronto il proclama da leggere a golpe avvenuto: "Italiani, l'auspicata svolta politica, il lungamente atteso colpo di Stato, ha avuto luogo. La formula politica, che per un venticinquennio ci ha governato e ha portato l'Italia sull'orlo dello sfacelo economico e morale, ha cessato di esistere. Nelle prossime ore vi verranno indicati i provvedimenti più immediati e idonei a fronteggiare gli attuali squilibri della nazione. Le forze armate, le forze dell'ordine, gli uomini più competenti e rappresentativi della nazione sono con noi, mentre possiamo assicurarvi che gli avversari più pericolosi, quelli che volevano asservire la patria allo straniero, sono stati resi inoffensivi. Soldati di terra, di mare e dell'aria, a voi affidiamo la difesa della patria e il ristabilimento dell'ordine interno".

Quel proclama non sarebbe mai stato letto.

CONTRORDINE. Il golpe era ormai in fase avanzata quando lo stesso Borghese fermò tutto. Le armi restarono al Viminale, la Forestale tornò a Cittaducale – da dov'era partita – e i paracadutisti rientrarono in palestra. Perché il contrordine? Qualcuno ipotizzò che fosse stata la pioggia scrosciante di quella notte a far saltare i piani. Le vere motivazioni furono politiche. Borghese scappò all'estero per evitare l'arresto e dalla tv svizzera rivendicò il progetto mancato.

«Il principe informò i suoi che l'operazione era saltata per la mancata collaborazione di ufficiali che avrebbero dovuto aprire il portone del ministero della Difesa», spiega Nicola Tonietto, storico dell'Università di Trieste. «Ma secondo una delle tesi oggi più accreditate, a fermarla sarebbero stati gli americani, il cui coinvolgimento è emerso nei processi degli Anni '90 sulle stragi di piazza Fontana e piazza della Loggia. Anche i vertici dei servizi segreti, con i quali il principe intratteneva rapporti, si convinsero a interrompere l'operazione e sfruttarono la situazione come monito in funzione anticomunista. Infatti si dice che quella notte i dirigenti del Pci non dormirono nei loro letti. Borghese ha raccontato in un memoriale che a dare il contrordine non fu lui, ma il dirigente della Rai Gilberto Bernabei, su ordine di Andreotti».

Un vero piano eversivo. Nell'immediato gli italiani rimasero all'oscuro del tentato golpe. L'8 dicembre il governo e i poteri dello Stato si comportarono come se niente fosse accaduto. L'ordine fu di non parlarne o di minimizzare. Si scoprì tutto tre mesi dopo, quando il quotidiano Paese Sera il 17 marzo 1971 uscì con il titolo: Scoperto piano di estrema destra.

Il giorno dopo, il sostituto procuratore di Roma Claudio Vitalone firmò i mandati d'arresto per tentativo di insurrezione armata contro lo Stato nei confronti degli esponenti della destra extraparlamentare Mario Rosa e Sandro Saccucci, dell'affarista Giovanni De Rosa e dell'imprenditore edile Remo Orlandini. Il 19 marzo viene raggiunto da un mandato anche Borghese, che si era rifugiato nella Spagna franchista.

Un lungo processo. La Procura fu poi costretta ad archiviare l'indagine per mancanza di prove. L'istruttoria venne riaperta nel 1974, quando il ministro della Difesa Giulio Andreotti consegnò un rapporto del servizio segreto militare che gettava nuova luce sul piano eversivo. Il processo fu istituito solo tre anni più tardi e nel 1984 la Corte d'Assise d'appello assolse da tutte le accuse un'ottantina di imputati tra generali, colonnelli e neofascisti.

La Cassazione confermò le assoluzioni sostenendo che il tentativo eversivo era riconducibile a un "conciliabolo di quattro o cinque sessantenni", e spiegò persino che la presenza di una colonna di mezzi militari e quasi 200 uomini della Forestale appostati davanti alla Rai era stata una coincidenza.

RETROSCENA. «Oggi possiamo sostenere con certezza il contrario», sostiene Tonietto. «Non fu quel gesto da operetta descritto dalla magistratura bensì un evento serio che, al pari di successivi, come la Rosa dei venti e il tentato golpe di Edgardo Sogno, va inserito nella "strategia della tensione" di quegli anni. Al golpe Borghese non parteciparono solo i gruppi di estrema destra intenzionati a prendere il potere, ma anche esponenti di alto livello dell'Esercito e dei servizi segreti».

In seguito sono emersi inquietanti retroscena. Le rivelazioni dei pentiti mafiosi al processo contro Andreotti e il rapporto conclusivo della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla P2 hanno documentato il coinvolgimento di Cosa Nostra, della 'Ndrangheta e della loggia segreta di Licio Gelli. Il piano di Borghese fu il più grave attentato alla democrazia italiana organizzato nel Secondo dopoguerra.

Questo articolo è tratto da Focus Storia. Perché non ti abboni?

7 dicembre 2022 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us