Storia

Gli scheletri ammanettati di antichi ribelli greci

Rinvenuti in una tomba comune non lontano da Atene, potrebbero appartenere a un gruppo di insorti che tentò, senza successo, un colpo di stato nella polis.

In due tombe di massa a pochi chilometri da Atene sono stati rinvenuti gli scheletri di 80 uomini, 36 dei quali ammanettati con lacci di ferro, che potrebbero aver partecipato a un tentativo di colpo di stato della città greca nel VII secolo avanti Cristo.

I corpi erano sepolti in un'area di oltre 4 mila metri quadrati che negli ultimi decenni di scavi ha restituito i resti di circa 1500 persone. Ma questi ultimi scheletri, ritrovati in un luogo che sarà adibito a sito di costruzione per la Biblioteca Nazionale Greca e per l'Opera Nazionale, hanno destato l'attenzione degli archeologi.

Particolari interessanti. I loro denti riconducono a individui giovani e sani; erano tutti uomini non appartenenti all'elite cittadina e furono uccisi probabilmente nello stesso momento tra il 650 e il 625 a.C.. La datazione, resa possibile da un paio di vasi rinvenuti tra gli scheletri, è stata confermata dal Ministero della Cultura greco.

Attacco al potere. Proprio il periodo della morte, insieme alle modalità di sepoltura e alle caratteristiche fisiche dei defunti, porterebbero ad accostarli a un evento che sconvolse la politica ateniese nel 632 a.C.: il tentativo di colpo di stato di Cilone, un atleta olimpico ateniese che sfruttò il prestigio guadagnato con le vittorie sportive e l'appoggio del suocero Teagene, tiranno di Megara, per tentare di diventare tiranno di Atene, occupandone l'acropoli.

Ingannati e uccisi. La sua rivolta fu sedata, Cilone riuscì a fuggire mentre i suoi seguaci, ormai assediati e ridotti alla fame, accettarono un'apparente garanzia di incolumità per poi essere uccisi dagli arconti che avevano ripreso potere nella polis. Non ci sono elementi che possano confermare la speculazione, perché le fonti dell'epoca - i racconti di Erodoto, Tucidide e Plutarco - non sono abbastanza dettagliate. Ma si tratta comunque di un'ipotesi affascinante.

Miniera di informazioni. Inoltre, il sito archeologico - nel quale sono state rinvenute sepolture strane: una in una giara e una persino di un cavallo - sta rivelando informazioni importanti sulla vita dell'"uomo qualunque" di quell'epoca, individui non appartenenti a classi nobili dei quali non c'è traccia nelle cronache storiche.

20 aprile 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us