Giorno della Memoria: le foto storiche del campo di sterminio di Auschwitz

Il 27 gennaio 1945, le truppe dell'Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento e sterminio di Auschwitz, liberando i pochi prigionieri superstiti. Per questo motivo, si celebra il Giorno della Memoria. Leggi anche: che cos'è il Giorno della Memoria.

b60a000000000000a60a000000000000b70a000000000000f60a000000000000470a000000000000370a000000000000e60a000000000000270a000000000000570a000000000000770a000000000000870a000000000000a70a000000000000cc0a000000000000d60a000000000000auschwitz_aerial_view_raf2d0a000000000000Approfondimenti
b60a000000000000

Il 27 gennaio 1945 le truppe dell'Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento e sterminio di Auschwitz, liberando i pochi prigionieri superstiti. Per questo motivo il 27 gennaio, si celebra il Giorno della Memoria, per ricordare il dramma della Shoah e la barbarie di tutti i genocidi perpetrati dal Nazismo. Si stima che nel campo morirono da 1 a 1,5 milioni di persone, in maggioranza Ebrei. Ecco com'era il campo in alcune delle immagini storiche scattate dai soldati sovietici poco dopo la liberazione. Attenzione alcune immagini possono essere scioccanti.I cancelli del campo di prigionia. La scritta all'entrata, "Arbeit macht frei", significa "il lavoro rende liberi".

a60a000000000000

La Bahnrampe, la rampa dei treni, all'interno del campo di Birkenau dove, dal 1944, arrivavano i convogli dei deportati, come si presentava nel 1945.
In realtà il complesso dei campi di Auschwitz era composto da tre campi principali e 45 sottocampi nelle vicinanze di Auschwitz (in polacco Oświęcim), in Polonia. Il campo principale (Auschwitz) era di contentarmento; a Birkenau c'era il campo di sterminio; a Monowitz, un campo di lavoro.

b70a000000000000

I prigionieri ancora in forza assistono all'arrivo delle truppe sovietiche. Furono trovati circa 7.000 prigionieri ancora in vita.

f60a000000000000

I dormitori di Auschwitz II-Birkenau, dove trovarono la morte circa 1 milione e 100 mila persone. Vi si trovavano 4 camere a gas con annessi crematori. L'eliminazione iniziò nella primavera del 1942.

470a000000000000

I forni crematoi vennero subito scoperti dalle truppe sovietiche.
Nel novembre 1944, di fronte all'avanzata dell'Armata Rossa e per nascondere le prove del genocidio, venne dato l'ordine di di cessare le esecuzioni nelle camere a gas e di demolirle assieme ai forni crematori, allo scopo di nascondere le prove del genocidio; i nazisti, tuttavia, distrussero solo le camere e i forni di Birkenau, mentre quelli di Auschwitz 1 furono adibiti a rifugii.

370a000000000000

Prigionieri morti di fame e stenti, abbandonati all'interno del campo. Il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata rossa aprirono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, scoprendone gli orrori. I nazisti se ne erano già andati, portando con sé i prigionieri più sani (molti dei quali morirono durante la marcia). I russi trovarono così soltanto pochi superstiti, e in condizioni disperate. È attraverso la loro testimonianza che oggi conosciamo i dettagli del genocidio.
Dal 2000 l’Onu ha scelto proprio il 27 gennaio, liberazione di Auschwitz, per ricordare la Shoah (lo sterminio sistematico di milioni di ebrei, oltre che di rom, comunisti, omosessuali e Testimoni di Geova, da parte dei nazisti) e per celebrare i quasi 25mila “giusti” che aiutarono gli ebrei a sfuggire alla morte. Obiettivo: evitare che eventi del genere possano verificarsi ancora.

e60a000000000000

Un'ispezione nelle fosse comuni dopo la liberazione.
Il primo campo di concentramento aessere aperto fu Dachau (in Germania), il 22 marzo 1933. I primi reclusi del campo furono, fondamentalmente, prigionieri politici (per esempio Comunisti o socialdemocratici); criminali abituali; omosessuali; testimoni di Geova; e "asociali" (mendicanti, vagabondi e venditori ambulanti). Vi erano inclusi anche scrittori, giornalisti, avvocati, industriali impopolari, e funzionari politici ebrei, considerati dai nazisti come "un problema".

270a000000000000

Auschwitz si trova oggi nella zona meridionale della Polonia. Molti dei prigionieri morirono di freddo e i loro corpi congelati vennero scoperti dopo la liberazione.

570a000000000000

I medici dell'Armata Rossa visitano i superstiti poco dopo la liberazione.

770a000000000000

I prigionieri venivano lasciati morire di fame.

870a000000000000

Gli arti dei prigionieri venivano accatastati in alcuni locali del campo. Ancora oggi sono conservati nel campo. Nei campi del complesso di Auschwitz furono trovati migliaia di indumenti abbandonati, oggetti vari che possedevano i prigionieri prima di entrare nel campo e otto tonnellate di capelli umani imballati e pronti per il trasporto.

a70a000000000000

Ban presto i soldati sovietici scoprirono come venivano gestiti i prigionieri

cc0a000000000000

Una camera a gas. Per trovare il metodo più rapido ed efficace i Nazisti fecero vari esperimenti e dal monossido di carbonio prodotto spesso usando i gas di scarico di camion o carri armati, passarono allo Zyklon B, a base di acido cianidrico, che permetteva di uccidere in maniera veloce un gran numero di persone contemporaneamente (1000-1500 in circa trenta minuti).

d60a000000000000

I bambini del campo venivano utilizzati per i crudeli esperimenti di eugenetica del dottor Joseph Mengele. Per la sua attività svolta nel campo di concentramento Mengele era stato soprannominato Angelo della morte.

auschwitz_aerial_view_raf

Auschwitz, il 23 agosto 1944, ripreso da un ricognitore della Royal Air Force inglese. È chiaramente visibile il fumo di una fossa d'incenerimento dei corpi, utilizzata per eliminare i cadaveri in aggiunta ai forni crematori, non sufficienti in quel periodo. La foto smentisce le affermazioni di certi negazionisti, per i quali i roghi nelle fosse comuni sarebbero tecnicamente impossibili.
Da quando gli Alleati sapevano della soluzione finale? La prima notizia sul piano programmato per lo sterminio di massa degli ebrei trapelò dalla Polonia da parte della Bund (una organizzazione politica socialista ebraica) e giunse in Inghilterra nella primavera del 1942. I dettagli su tale informazione furono forniti agli Alleati da fonti vaticane e attraverso informatori svizzeri e del movimento clandestino polacco

2d0a000000000000

Rudolf Höss era il comandante del campo di Auschwitz. Dopo un processo a Varsavia venne impiccato nel 1947.

Il 27 gennaio 1945 le truppe dell'Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento e sterminio di Auschwitz, liberando i pochi prigionieri superstiti. Per questo motivo il 27 gennaio, si celebra il Giorno della Memoria, per ricordare il dramma della Shoah e la barbarie di tutti i genocidi perpetrati dal Nazismo. Si stima che nel campo morirono da 1 a 1,5 milioni di persone, in maggioranza Ebrei. Ecco com'era il campo in alcune delle immagini storiche scattate dai soldati sovietici poco dopo la liberazione. Attenzione alcune immagini possono essere scioccanti.I cancelli del campo di prigionia. La scritta all'entrata, "Arbeit macht frei", significa "il lavoro rende liberi".