Speciale
Domande e Risposte
Storia

Gino Bartali: perché "Giusto tra le Nazioni"?

5 maggio 2000: muore il campione di ciclismo Gino Bartali. Molti ricordano i suoi trionfi sportivi, ma non tutti conoscono la sua attività in favore degli ebrei perseguitati a Firenze tra il 1943 e il 1944.

Il 5 maggio cade l'anniversario della morte di Gino Bartali: il popolarissimo ciclista che ha vinto titoli su titoli tra gli anni '30 e '40 scompare nel 2000. Ma Bartali non è stato solamente un mito del ciclismo: gli si attribuisce infatti un ruolo importante nella Storia dell'Italia repubblicana e democratica, e, in più, nel 2013 gli è stato riconosciuto dallo Stato di Israele il titolo di Giusto tra le Nazioni per essersi prodigato, a rischio della vita, in favore di numerosi ebrei ai tempi delle persecuzioni nazifasciste.

Gino Bartali infatti non è soltanto lo sportivo italiano più celebrato in film, serie tv, canzoni o il ciclista leggendario di cui si ricordano le vittorie sportive (tre giri d'Italia e due Tour de France vinti, oltre a quattro titoli di Campione d'Italia). Bartali, durante la Seconda guerra mondiale, si rese infatti protagonista di una serie di rischiose attività in favore di ebrei perseguitati a Firenze, collaborando con il rabbino e con l'arcivescovo della città. In particolare, tra il 1943 e il 1944, fece da corriere tra l'arcivescovado di Firenze e il convento francescano di Assisi: trasportò (tenendoli nascosti all'interno del telaio della sua bicicletta) i documenti necessari per fornire una nuova identità ai perseguitati, per consentire loro di espatriare.

Gino Bartali in una foto del 1950.
Gino Bartali in una foto del 1950. © wikimedia

Si dice che scongiurò la guerra civile... Un breve articolo di Focus Domande e Risposte del 2016 si chiedeva cosa sarebbe successo se non avesse vinto il Tour de France del 1948. Perché le tensioni nel nostro Paese, dovute all'attentato a Togliatti avvenuto il 14 luglio di quell'anno, forse non si sarebbero placate facilmente e, nel peggiore dei casi, l'Italia sarebbe potuta andare incontro a una guerra civile. Il segretario del Partito Comunista Palmiro Togliatti, a cui furono sparati alcuni colpi di pistola da un fanatico anticomunista (Antonio Pallante), sopravvisse, ma in tutto il Paese in poche ore iniziarono violente proteste, sfociate in tumulti e scontri di piazza con la polizia, in cui si registrarono morti e centinaia di feriti.

In questo clima di tensione giunse, il 15 luglio, la vittoria di Gino Bartali durante una tappa fondamentale del Tour de France, evento che contribuì, secondo alcuni in maniera decisiva, a rasserenare gli animi coalizzando amici e nemici attorno all'impresa sportiva che ridava lustro a un'Italia mal vista dai francesi per il suo ruolo durante la guerra. A riportare la situazione alla normalità nel Paese aiutarono inoltre, nei giorni seguenti, i ripetuti inviti alla calma dello stesso Togliatti - oltre che una serie di nuove imprese di Bartali, prima del trionfo finale del 25 luglio.

I riconoscimenti. Per il suo impegno a favore degli ebrei durante la guerra ricevette numerose onorificenze, fino alla Medaglia d'oro al merito civile, nel 2005, conferitagli postuma dall'allora presidente della Repubblica italiana, Carlo Azeglio Ciampi. Nel 2013 arrivò infine il riconoscimento di Giusto tra le Nazioni, conferito dallo Stato d'Israele: e nel maggio del 2018, in occasione della partenza del giro d'Italia da Gerusalemme, ricevette anche la cittadinanza onoraria di Israele.

4 maggio 2021 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us